Home News Era intrappolata, con delle ferite infette: la corsa contro il tempo per...

Era intrappolata, con delle ferite infette: la corsa contro il tempo per salvarlo

CONDIVIDI
@screen shot video

Ancora una volta i volontari di Animal Aid sono stati protagonisti di uno straordinario salvataggio. Immagini piuttosto forti e raccapriccianti documentano le condizioni in cui un anziano esemplare randagio è stato ritrovato. Il povero animale stava probabilmente cercando di scappare quando si è intrufolato nell’inferriata di un cancello, rimanendo intrappolato.

Grazie alla segnalazione di alcuni residenti, sul posto sono giunti i membri dell’organizzazione animalista che opera in India.

Il povero animale era ridotto in pessime condizioni e non aveva più le forze per reggersi in piedi. Dopo aver lottato per liberarsi dall’inferriata, l’anziano randagio sembrava ormai rassegnato alla sua sorte. Ma quello che hanno scoperto i volontari era ancor più agghiacciante. Infatti, dalle immagini, non adatte a persone sensibili, il cane presentava delle profonde ferite infette nella parte posteriore del corpo.

Dopo aver tentato di tirarlo fuori dalla ringhiera, senza esito positivo, i volontari hanno subito provveduto a tagliare le sbarre metalliche per liberare il povero cane facendo attenzione a non ferirlo. L’esemplare anziano si è totalmente affidato alle mani dei volontari che lo hanno avvolto con una coperta e preso in braccio per trasferirlo presso il rifugio. Immagini commuoventi ed emozionanti: da quel preciso istante, infatti, si capisce che quel cane è salvo e non dovrà più preoccuparsi di lottare per restare in vita.

Arrivato al rifugio, il cane è stato subito sottoposto a diversi trattamenti per le gravi ferite presenti sul suo corpo. A distanza di diverse settimane, i volontari hanno documentato il lento recupero dell’anziano randagio. Una femmina molto dolce che ha ritrovato la fiducia nelle persone. Il suo sguardo si è irradiato di una luce nuova, piena di speranza e di amore nei riguardi di chi l’ha salvata, curata e circondato d’affetto quotidiano.

Anche se questa dolce randagia porta i segni di quello che ha subito, la sua gioia è incontenibile e come un cucciolo, la si vede scodinzolare e rotolarsi nella terra, di nuovo spensierata, senza doversi preoccupare.  Vedere queste creature indifese, abbandonarsi alle carezze dei volontari è forse una delle più belle emozioni che si possa condividere.

La loro innocenza dovrebbe insegnare alle persone il rispetto per la vita: il suo sguardo pieno d’amore è stato il miglior ringraziamento per i volontari.

C.D.