Home News Febbre del Nilo ed altre malattie, zanzare e simili in aumento in...

Febbre del Nilo ed altre malattie, zanzare e simili in aumento in Europa

CONDIVIDI
Le zanzare e le zecche sono in aumento: trasmettono la Febbre del Nilo ed altre malattie

Zanzare e zecche in aumento: la Febbre del Nilo ed altre malattie saranno sempre più diffuse alle nostre latitudini. I casi di patologie connesse aumentano.

Il virus della Febbre del Nilo portato dalle zanzare ha fatto ben 10 vittime in Italia durante questa estate. L’ultima si è avuta in Veneto nelle scorse ore, si tratta di una donna di mezza età che alla fine ha ceduto alla puntura letale d’insetto. E gli esperti ritengono che nel breve periodo ci saranno nuove malattie portate da esserini di provenienza esotica. L’Europa è tutto sommato vicina a luoghi dove maggiormente zecche e zanzare proliferano. Ne parla il quotidiano britannico ‘The Guardian’, per il quale la Febbre del Nilo non sarà la sola grave conseguenza dovuta alla loro presenza. I cambiamenti climatici ne favoriscono la presenza in Italia ed in alcune aree specifiche del Vecchio Continente. Lo scorso 22 agosto l’Istituto Superiore di Sanità ha confermato 255 casi di Febbre del Nilo nel nostro paese, con anche i casi letali sopracitati.

Febbre del Nilo, casi in aumento perché ci sono più zanzare

L’ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control) segue questa falsariga, ribadendo che i periodi di alte temperature seguiti da piogge sono sempre di più nel corso dell’anno. Queste sono proprio le condizioni ideali che favoriscono la presenza di zanzare e zecche, esseri a sangue freddo che sentono molto gli sbalzi della colonnina di mercurio. Quando fa caldo, la loro riproduzione ha una accelerata, e lo stesso vale per i batteri dei quali sono portatori. Nel 2017 l’Italia e la Francia subirono una epidemia di virus Chikungunya, trasmesso in particolare dalla zanzara tigre, specie ormai comune dalle nostre parti.

Ed anche il virus Zika potrebbe diventare un triste habitué delle nostre latitudini. Gli istituti di igiene preposti comunicano poi che è in aumento il numero di encefaliti e patologie analoghe direttamente attribuibili alla puntura di zecche e zanzare. La Febbre del Nilo è il caso più esplicito adesso. Ed annualmente n tutto il mondo sono 830mila le vittime stimate per questo contatto tra gli insetti in questione e gli uomini.

A.P.