Home News Fido e il caldo, una lista di consigli per proteggerlo dalle alte...

Fido e il caldo, una lista di consigli per proteggerlo dalle alte temperature

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:59
CONDIVIDI

Fido e il caldo, i rimedi da prendere e gli aspetti da prendere in considerazione. Una lista importante da osservare con attenzione

un cane bianco in acqua (Foto Pixabay)
Un cane bianco in acqua (Foto Pixabay)

 

Il caldo è arrivato, puntuale come ogni anno e anche per i nostri animali domestici è giunto il momento di affrontarlo in maniera  adeguata. Proteggerli dai raggi UV è fondamentale per evitare di esporlo ai rischi che potrebbero danneggiare la sua pelle. Per non incorrere in ulteriori danni, La Lega Nazionale per la Difesa del Cane ha emanato alcune regole semplici ma basilari per offrire un’estate serena a tutti i pelosetti. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Potrebbe interessarti anche: Portare il cane in spiaggia, estate 2020: divieti e regole nell’Italia della Fase 3

Fido e il caldo, ecco come intervenire

Il cane e la padrona in spiaggia (Foto Pixabay)
Il cane e la padrona in spiaggia (Foto Pixabay)

Innanzitutto, la regola posta alla base di questa bella stagione  è quella di non lasciare il cane solo in auto. Purtroppo infatti, sono tanti gli episodi che hanno confermato la pericolosità del gesto, conducendo a delle vere e proprie tragedie. Pertanto, anche se il padrone lascia il finestrino aperto, le alte temperature potrebbero risultare molto pericolose per la vita di Fido. Il cane potrebbe rischiare di soffocare per l’eccessivo calore presente all’interno del veicolo. Talvolta, anche un’auto parcheggiata all’ombra può rivelarsi una vera e propria gabbia mortale. Infatti, se qualcuno nota un quattro zampe chiuso nell’auto è importante intervenire tempestivamente, onde evitare gravi conseguenze.

Potrebbe interessarti anche: Accessori per il cane in spiaggia: cosa mettere dentro la sua borsa

Come prima cosa è necessario accorgersi se Fido ha avuto un colpo di calore o meno. In tal caso, occorre contattare, nel modo più rapido possibile, le forze dell’ordine o un veterinario rintracciabile. Dunque, ciò che conta è saper riconoscere un colpo di calore, un aspetto non di facile interpretazione per chi si ritrova in una simile situazione. I primi sintomi sono quelli di un animale agitato che presenta un battito del cuore molto accelerato. Il forte stress e la debolezza sentita potrebbe fargli perdere lucidità e causargli un barcollamento. Inoltre, proprio a causa di questo, il quattro zampe potrebbe avere difficoltà nel riuscire ad alzarsi. Se l’animale infatti mostra tali sintomi, è opportuno gettargli su dell’acqua, utilizzando i finestrini aperti. Pertanto, nel momento in cui l’animale manifesta i primi segnali è opportuno correre subito dal medico. Prima di attendere questo è consigliabile metterlo al riparo, posizionando degli stracci bagnati in precise parti del corpo quali il collo, le ascelle e l’inguine.

I provvedimenti da adottare e i fattori da tenere in considerazione

Il cane sulla sabbia (Foto pixabay)
Il cane sulla sabbia (Foto pixabay)

Tuttavia, è opportuno sapere che tali provvedimenti non devono assolutamente eliminare un controllo, anche rapido, dal veterinario, in quanto una simile condizione di salute può comportare conseguenze molto gravi. Una particolarità da tenere in considerazione concerne la funzione di protezione esercitata direttamente dal pelo dell’animale. Grazie ad esso infatti, i nostri amici animali hanno l’opportunità di ripararsi dai raggi solari e nello stesso tempo anche dalle temperature gelide. Il consiglio primario da seguire è quello di non tosarli e utilizzare una crema solare su alcune parti del corpo, come le punte delle orecchie, fondamentale per evitare le scottature e la possibilità di sviluppare malattie gravi quali i tumori.

Al di là di ciò, è bene prendere accorgimenti anche quando si portano i nostri pelosetti in spiaggia. Un fatto di notevole importanza concerne le attenzioni da prendere quando si porta Fido in spiaggia. Il primo passo è quello di fare attenzione al fatto che non ingerisca sabbia e che altri corpi estranei non causino danni se vengono ingeriti. Oltre a ciò, ci sono degli accorgimenti da prendere anche sulla tipologia di abitazione nella quale vive Fido. Agli animali domestici che sono abituati a vivere all’aperto, è consigliabile idratarli con acqua fresca e pulita mentre per coloro i quali vivono in appartamento è opportuno condurli a spasso al mattino presto o la sera.

Sono tanti dunque, gli aspetti da tenere sotto controllo sul proprio animale domestico messo in rapporto con il caldo e tutto quello che comporta la stagione estiva. E’ nostra premura analizzarli e osservare le norme che comportano per far trascorrere a Fido una serena estate. Il suo tenero sguardo vi dimostrerà di esserne riconoscente.

Benedicta Felice