Home News Fotografa il suo cucciolo con un nastro adesivo sul muso: solleva indignazione

Fotografa il suo cucciolo con un nastro adesivo sul muso: solleva indignazione

CONDIVIDI

Ha diffuso la fotografia su Snapachat, vantandosi di come ha legato il suo cucciolo, con un nastro adesivo sul muso e una zampa per evitare di essere morso, mentre stava togliendo delle grappette dalle orecchie del cane.
L’immagine è subito rimbalzata sui media e i social arrivando all’attenzione delle autorità locali di Cherokee County in South Carolina.
L’uomo William Wendell Harpe è stato individuato nel giro di poche ore dalla polizia che lo ha fermato. Durante l’interrogatorio Harpe si è giustificato affermando che un veterinario aveva tagliato le orecchie al cane e che lui lo stava medicando. Harpe non ha voluto fornire le indicazioni del veterinario ed è stato denunciato per crudeltà verso gli animali con l’aggravante di falsa testimonianza.

Nonostante ciò ha tenuto a sottolineare di aver salvato la vita a molti cani e per questo è convinto che presto decadrà l’accusa del reato che ha commesso.

Infatti, in un post successivo Harpe ha pubblicato la fotografia del suo cucciolo di pit bull commentando: “Tre minuti più tardi, dopo l’operazione. I media mostrano sempre quello che vogliono vedere. Ho salvato e ricollocato molti cani. Apprezzo i commenti di odio ma forse dovreste prima guardarvi dentro. Spero che il caso sia chiarito”.

Tra gli aggiornamenti pubblicati sul suo profile facebook lo stesso Harpe esprime il proprio disappunto su tutta la vicenda: “Non avrei mai pensato che un giorno sarei stato odiato da centinaia di persone sconosciute per qualcosa di cui non sanno nulla”.

Il taglio delle orecchie praticato su alcune razze è vietato in molti paesi. Tuttavia, negli Usa non vi è una legge a livello nazionale che regolamenti questa pratica. Solo alcuni stati come Pennsylvania, Washington e Massachusetts hanno introdotto una norma per cui il taglio delle orecchie è considerato un atto di crudeltà. Addirittura è consentito agli stessi proprietari tagliare le orecchie dei loro cani, seguendo tuttavia delle procedure specifiche anche senza ricorrere ad un veterinario per l’operazione.