Home News Fotografo costruisce rifugi per animali soli dopo l’alluvione in Thailandia

Fotografo costruisce rifugi per animali soli dopo l’alluvione in Thailandia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:17
CONDIVIDI

Fotografo freelance dedica il suo tempo a costruire rifugi per animali abbandonati o rimasti senza padrone dopo l’alluvione in Thailandia.

rifugi cani alluvione thailandia
Il lavoro dei volontari in favore degli animali dopo l’alluvione in Thailandia (Fonte foto Sitthichai Ekkapan / Facebook)

Mentre gli aiuti finalmente raggiungono le persone sfollate nel nordest della Thailandia devastato dalle inondazioni, gli animali dispersi, abbandonati a sé stessi in questo momento di panico e confusione, stanno ottenendo anch’essi un piccolo sollievo grazie a un fotografo dal grande cuore.

Qualche giorno dopo aver condiviso le sue immagini di adorabili rifugi per i cani orfani o perduti, Sitthichai Ekkapan ha raccontato al locale Coconuts Bangkok di più delle sue creazioni improvvisate per cani, gatti, mucche e altre vittime senza voce lasciate nella fretta su un appezzamento di terra dopo le acque alluvionali che hanno devastato il nordest del Stato asiatico.

i rifugi costruiti dal fotografo (fonte foto Sitthichai Ekkapan / Facebook)
i rifugi costruiti dal fotografo (fonte foto Sitthichai Ekkapan / Facebook)

“Non sono mai stato uno che amava gli animali prima di questo evento. Ma quando sono venuto qui e l’ho visto con i miei occhi, la mia prospettiva è completamente cambiata ”, ha detto Sitthichai al telefono nel pomeriggio.

Sitthichai, che vive in un’altra parte di Ubon Ratchathani, ha affermato che sebbene alcune persone abbiano donato cibo per cani, gli animali non hanno avuto alcun riparo dagli elementi naturali. Il fotografo ha quindi sollecitato donazioni di materiali o oggetti di scarto come legno, vinile e filo, che ha usato per modellare diverse case da vari oggetti tra cui cartelli scartati. Da allora sta costruendo questi rifugi, improvvisati ma vitali per degli animali che non sono abituati a vivere allo stato selvaggio.

Sitthichai ha detto che ha perso il conto del numero di rifugi che ha costruito in tutta l’isola, ma stima che abbia aiutato “centinaia di vite. Mi sveglio alle 7 ogni giorno, prendo una barca e arrivo sull’isola verso le 10. Lavoro ai rifugi fino alle 17”, ha detto. Come fotografo freelance, ha la libertà di dedicare i suoi giorni e le sue notti agli animali.

i rifugi costruiti dal fotografo (fonte foto Sitthichai Ekkapan / Facebook)
altri rifugi costruiti dal fotografo (fonte foto Sitthichai Ekkapan / Facebook)

“A volte ho piantato una tenda e mi sono accampato qui“, ha detto, aggiungendo che alcuni generosi donatori gli hanno fornito i mezzi per farlo. Mentre Sitthichai ha ispirato altri volontari – circa quattro o cinque vengono ogni giorno – da tutto il Paese, compresa Bangkok, a venire e aiutare a costruire questi rifugi, è l’unico che dedica a tempo pieno ogni giorno il suo tempo a cani, gatti, mucche e altri animali in difficoltà. Un bel gesto di speranza e rinascita per tutti i thailandesi.

 

Potrebbero interessarti anche >>> 

T.F.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI