Home News Addio a Gastone, il cane che fu salvato da un macchinista

Addio a Gastone, il cane che fu salvato da un macchinista

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:55
CONDIVIDI

Addio a Gastone, se ne va per sempre il cane che, nel lontano 2009, fu salvato da un macchinista che lo trovò legato sui binari ferroviari.

gastone cane
Gastone, il cane salvato dal macchinista Sergio Grosso nel 2009 (Foto Facebook Il Fido Custode – Cimitero per Animali d’affezione- Cremazioni e Sepolture)

Quando qualcuno muore e ci lascia per sempre non è mai un periodo facile da affrontare. Pensiamo, invece, quando muore una persona “famosa”. E per famoso non intendiamo il successo, ma qualcuno che, magari grazie a un mezzo di comunicazione, ci ha intrattenuto la vita.

In questa vicenda, invece, parliamo di un cane. Era stato protagonista di una brutta vicenda finita con una “vittoria” grazie all’intervento di un macchinista che gli aveva salvato la vita da una morte sicura. Gastone, il cane che nel lontano 2009 fu trovato legato ai binari di una tratta ferroviaria italiana. Salvato appunto da un macchinista entrò nelle cronache e nelle case di tutti gli amanti dei nostri amici a quattro zampe.

Ti potrebbe interessare anche: Figline: lascia due cani chiusi in auto, salvati dalla polizia municipale

Gastone, il cane che venne salvato dal macchinista Sergio Grosso ci lascia per sempre

gastone cane
Foto di un murale di un cane (Foto Facebook)

Il macchinista, Sergio Grosso, guidava l’interregionale 2034, partito da Torino e diretto alla Spezia, quando, tra Sampierdarena e Rivarolo, era entrato in funzione l’allarme automatico che aveva bloccato il convoglio. Il macchinista, affacciatosi dal finestrino si era trovato dinanzi ai suoi occhi il piccolo cucciolo di cane. Sergio prese subito il cane portandolo a bordo del treno e consegnandolo poi, a Brignole, agli agenti della Polfer.

Ti potrebbe interessare anche: I campioni del ring contro l’abbandono dei cani – VIDEO

Le richieste per adottarle furono numerose. All’inizio Gastone, ribattezzato con questo nome dai soccorritori, si trovava in canile. Poi la “spuntò” Fanny Centonze, una donna che gli ha fatto da “mamma” in tutto questo tempo di vita. Lui, soprannominato anche Gas Gas, ci lascia per sempre e noi vi lasciamo con le parole di Fanny.

“Gli ho dedicato un testo inciso sulla lapide di una tomba in un piccolo cimitero per cani in Irlanda: Amato e fedele amico per 14 anni, te ne sei andato, un dolore troppo grande, persino per le lacrime, riempie tutto il vuoto che hai lasciato”

Davide Garritano