Home News Il gatto ama il padrone più del cane: lo svela uno studio

Il gatto ama il padrone più del cane: lo svela uno studio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:34
CONDIVIDI

Nonostante il cane manifesti in modo eclatante il suo amore, il gatto ama il suo padrone più dell’eterno rivale, secondo i dati ottenuti in uno studio.

Artrite nel gatto ama padrone
Il legame tra un gatto e il suo padrone è molto più forte di quello che ti aspetteresti (Fonte: Pixabay)

Quando si tratta di stabilire chi sia l’animale domestico preferito dagli umani, i gatti affrontano spesso una battaglia persa. Dopotutto, hanno la reputazione di essere distanti e spesso non dimostrano molto affetto. Nello stesso tempo, i cani non soffrono di questo problema e sono acclamati per la loro eccitazione nel vedere i loro proprietari.

Questo non vuol dire che i gatti non abbiano avuto i loro momenti di popolarità. I gatti hanno navigato con i Vichinghi, vissuto in monasteri medievali e furono molto amati dagli antichi egizi. Ora, sembra che ci sia una base scientifica per cui i gatti sono stati la fonte di così tanta popolarità.

Un nuovo studio trattato su Popular Science ha dimostrato che, nonostante le apparenze, i gatti hanno lo stesso importante legame dei cani verso i loro umani e forse anche di più, anche se non lo dimostrano molto.

Il gatto ama il padrone più del cane: lo svela uno studio

gatto
gatto (Foto da Pixabay)

Un recente studio si è concentrato sull‘attaccamento dei gatti, allo stesso modo di come si osserva quello di neonati e cani. L’attaccamento non era mai stato testato su gatti prima, e Kristyn Vitale, che studia il comportamento dei gatti alla Oregon State University, ha cercato di trovare risposte su cosa pensano degli umani i gatti.

Gli scienziati sapevano già che sia i cani che i bambini mostrano tre stili di attaccamento di base. Il primo è sicuro, il che significa che cani e bambini vedono i loro genitori o proprietari come una fonte di sicurezza e fiducia.

Il secondo si chiama insicuro-ambivalente. Sebbene neonati e cani desiderino l’attenzione del loro caregiver (della figura che si prende cura di loro), il caregiver non è comunque in grado di offrire loro una vera sicurezza.

Il terzo è noto come insicuro-evitante, il che significa che neonati e cani staranno lontani dal loro genitore o proprietario perché non reputano che offra loro sicurezza.

Lo studio condotto dalla Vitale ha testato questi stili di attaccamento sui gatti portando gatti (e gattini) e i loro proprietari in una stanza sconosciuta. Il proprietario si è rilassato con il suo animale domestico per due minuti e poi se ne è andato. Questo per esercitare un lieve stress sul gatto. Il proprietario è poi tornato, e gli scienziati hanno notato le reazioni dei gatti, usando diversi sistemi di codifica per vedere se i gatti potevano essere classificati come ansiosi o no.

I ricercatori hanno scoperto che circa il 65% dei gatti e dei gattini studiati mostrava un attaccamento sicuro al proprio essere umano. Quando il loro proprietario è tornato, questi gatti non mostravano alcun segno di stress ed erano abbastanza sicuri da esplorare l’ambiente circostante o felici di rilassarsi con il loro padrone.

Nel frattempo, si è scoperto che il 35% aveva uno stile di attaccamento insicuro, con la maggior parte di questo numero che richiedeva molta attenzione una volta che il suo umano fosse tornato.

Questo è simile a come i bambini hanno reagito con i loro genitori, secondo Science Alert. Il 65% dei bambini ha mostrato un attaccamento sicuro verso i genitori. Ma la cosa più sorprendente è che i tassi di attaccamento sicuro nei gatti sono maggiori di quelli nei cani. In studi simili, è stato dimostrato che la maggior parte dei cani è sicura al 61% e non sicura al 39%.

“Penso che ci sia l’idea diffusa che i gatti non dipendano davvero dal loro padrone e non ne abbiano bisogno”, ha detto la Vitale dei suoi risultati. “Ma almeno in questo test, quello che stiamo vedendo è che alla maggior parte dei gatti il proprietario dà un senso di sicurezza.”

Quindi, in breve, i gatti adorano davvero i loro umani. È una buona cosa da ricordare la prossima volta che il tuo gatto ti ignora (e, sì, sicuramente lo farà).

Potrebbe interessarti anche >>> 

T.F.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI