Home News Il gatto Romeo, salvato da un pacemaker: ora è in ottime condizioni

Il gatto Romeo, salvato da un pacemaker: ora è in ottime condizioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:46
CONDIVIDI

Un intervento chirurgico, oggigiorno, può salvare più di una vita e ridare la gioia di poter camminare: com’è successo al gatto Romeo, salvato da un pacemaker.

gatto romeo
Il gatto Romeo poggiato sul divano (Foto Facebook)

Quando la vita non ci sorride più, fortunatamente, possiamo ricorrere a qualche intervento che ce la salva, la vita stessa. Certo, non sempre è possibile, ma spesso e volentieri può accadere che da un intervento riusciamo a rimetterci in piedi e riprendere in mano la vita che prima ci stava lasciando.

Questo è un fatto che, oggigiorno, accade anche nel mondo animale. Molti sono stati i passati fatti in avanti per apportare una piccola o grande modifica in un piccolo corpicino di un nostro amico a quattro zampe. La tutela e il benessere dei nostri animali passa anche da queste delicate operazioni.

Operazioni che, alcune volte, portano con sé anche dei record. Ovviamente sono record che puntano a evidenziare fatti assoluti e che possono riprendersi in futuro, magari proprio durante un’operazione chirurgica. La stessa fatta al gatto Romeo. Al quale, in Colombia, è stato impiantato un pacemaker che gli ha salvato la vita.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO: Gatto con 4 protesi cerca casa: l’intervento è stato un miracolo FOTO

Un pacemaker per ridare la vita al gatto Romeo: ora mangia, beve e dorme più di prima

gatto romeo
Il gatto Romeo preso in braccio (Foto Facebook)

Un intervento chirurgico che ha davvero dell’incredibile, ove, per la prima volta, sono stati coinvolti una serie di 12 professionisti tra neurologi e cardiologici dell’Università CES e del Centro Veterinario e Zootecnico (CVZ) che hanno programmato e realizzato questa operazione. Un intervento fatto verso i primi di gennaio, e che ora, dopo vari controlli si può dire perfettamente riuscito.

Al gatto Romeo è stato impiantato un pacemaker di modo che potesse continuare a condurre una vita, quantomeno normale. Il micio fa parte di quella razza chiamata Maine Coon che soffre di una predisposizione ai problemi cardiaci che gli provocano continui svenimenti e difficoltà a rialzarsi.

Così è stato provato questo intervento unico e raro a cui Romeo ha risposto alla grande. Ora, dopo quasi un anno, sta bene. Mangia, dorme e gioca come prima. L’unica particolarità è quella di non volersi far accarezzare dove ha piantato il pacemaker. E crediamo che sia una cosa più che lecita. Ultimamente è intervenuto anche Maria Clara Orrego, la proprietaria del gatto, la quale ha affermato: “Romeo ha ripreso la vita in mano. Salta e gioca più di prima. Non sembra averne risentito minimamente dell’intervento. Ringrazio tutti i medici per il lavoro svolto”.

Una storia che ci ricorda quella del gatto con quattro protesi che cercava casa: una vicenda, alla fine, conclusasi nel miglior dei modi.

Davide Garritano