Home News Gemma accarezza un gatto randagio: le conseguenze sono gravissime

Gemma accarezza un gatto randagio: le conseguenze sono gravissime

CONDIVIDI

La drammatica vicenda della blogger Gemma Birch: conseguenze gravissime per aver accarezzato un gatto randagio, è rimasta paralizzata.

Gemma Birch
(Facebook)

Una blogger è rimasta paralizzata dall’anca in giù per aver contratto un’infezione in vacanza dopo aver accarezzato un gatto randagio. Non è un caso del tutto eccezionale: il contatto coi gatti può trasmettere molte malattie. Gemma Birch, 24 anni, di Southport, nel Merseyside, è diventata amica del gatto – che si chiama Catarina – durante un soggiorno tutto incluso nel villaggio turistico di Albufeira, in Portogallo, nel 2014. Ha poi iniziato a vomitare incontrollabilmente nell’ultimo giorno del suo viaggio – e ha finito per sentirsi svenire durante il volo di ritorno. Dopo l’atterraggio, è stata portata di corsa all’ospedale di Southport, dove i medici hanno scoperto che le sue feci contenevano il batterio campylobacter.

Leggi anche –> È provato! La saliva di cani e gatti può causare infezioni mortali nell’uomo

Gemma Birch costretta sulla sedia a rotelle per mesi

L’infezione è stata portata dal contatto col gatto e l’ha costretta sulla sedia a rotelle per mesi. Ma andiamo per ordine. Questo tipo di batteri si trovano anche comunemente nel pollo crudo e possono potenzialmente essere fatali. Qualche ora dopo il ricovero, Gemma Birch viene dimessa dall’ospedale, ma suo padre è costretto a riportarla nuovamente. Aveva cominciato a provare intorpidimento alle gambe nel cuore della notte. I medici le hanno diagnosticato la sindrome di Guillain-Barré, una condizione che fa sì che il sistema immunitario del corpo attacchi il proprio sistema nervoso. La ha trascorso quattro mesi in riabilitazione e solo dopo un recupero di 14 mesi è tornata a muoversi normalmente.

Gemma Birch crede che il gatto possa aver raccolto l’infezione dopo aver frugato nei cassonetti per i rifiuti. Il suo calvario l’ha lasciata troppo spaventata per accudire i randagi, ma non ha lasciato che la facesse passare per i cagnolini domestici. Ha rivelato come l’infezione l’avesse lasciata incapace di andare in bagno da sola. Ha confessato la ragazza: “Ho perso il controllo del mio intestino e della vescica e non ho potuto usare le braccia o le mani perché erano così deboli. Per quanto li ami, non posso toccare un gatto randagio ora”. Anche se è guarita, in ogni caso, la ragazza ha ancora a che fare con gli effetti della malattia contratta: ancora oggi, si stanca molto presto e sente una continua spossatezza.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI