Home News Giornata mondiale del gatto: Lettera al Governo per abbassare l’IVA al 10%

Giornata mondiale del gatto: Lettera al Governo per abbassare l’IVA al 10%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:56
CONDIVIDI

In occasione della giornata mondiale del gatto è stata inviata una lettera aperta al Governo e al Parlamento firmata da diverse associazioni per far si che gli animali domestici non vengano più considerati beni di lusso e per far quindi abbassare l’IVA.

Giornata mondiale del gatto :
Giornata mondiale del gatto : lettere aperta al Governo per abbassare l’IVA sui prodotti e sulle prestazioni mediche per gli animali (Foto Pixabay)

Solo in Italia si stima che gli animali domestici superino i 60 milioni di esemplari di cui almeno 7,3 milioni sono gatti. Queste creature che si tratti di cani, gatti, pappagalli, criceti, tartarughe  o altri, contribuiscono a portare gioia e amore incondizionato all’interno delle famiglie Italiane.

Potrebbe interessarti anche:Non paga le tasse: Comune pignora il cane e lo vende su Ebay

Lettera al Governo per abbassare l’IVA

Giornata mondiale del gatto
Giornata mondiale del gatto : lettere aperta al Governo per abbassare l’IVA sui prodotti e sulle prestazioni mediche per gli animali (Foto Pixabay)

Tal volta però, questa gioia viene leggermente offuscata dal fatto che in Italia avere un’animale d’affezione corrisponde a detenere un bene di lusso, l’aliquota IVA per gli alimenti, per le cure  e per le prestazioni veterinarie nel bel paese sono infatti tassate con l’aliquota IVA del 22%.

Nel 2002 l’8 agosto si è deciso di festeggiare per la prima volta la giornata dei gatti, e si è scelta questa data proprio perché sfortunatamente il mese di agosto è  quello nel quale vengono registrati il maggior numero di abbandoni non solo di gatti ma di tutti gli animali domestici in generale, e certamente questo non accade solo per le tasse, ma il fatto di dover pagare di più sicuramente contribuisce.

Il fatto che le famiglie Italiane debbano sostenere spese gravate dal 22% d’IVA per i propri animali domestici, è una questione che da tempo fa discutere, soprattutto se si pensa che in Germania è stato considerato il ruolo che ogni animale ha in famiglia, e si è deciso di applicare per le sue cure e per la sua alimentazione l’aliquota IVA del 7%.

Rispetto alle famiglie Tedesche, quelle Italiana sono costretti a pagare un costo di 3 volte superiore, per animali che il più delle volte sono dei veri e propri animali da pet therapy.

Motivo per il quale Assalco (Associazione Nazionale tra le Imprese per l’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia) in accordo ai maggiori nomi del settore che comprendono sia le imprese alimentari che quelle farmaceutiche oltre che i medici veterinari, (Anmvi, Fnovi, Simevep, Enpav, Aisa, Assalco, Ascofarve e Assalzoo) hanno deciso di scrivere al Governo una lettera aperta per far in modo che vengano presi provvedimenti in merito e che quelli che fino ad ora sono stati considerati beni di lusso, tanto da pagare l’Iva al 22%.

Le associazioni infatti sostengono che gli animali debbano essere inseriti il prima possibile  nella fascia dell’aliquota al 10%, agevolando così tutti i possessori di animali.

L.L.