Home News È nato un raro gipeto: lo staff si maschera per evitare l’imprinting...

È nato un raro gipeto: lo staff si maschera per evitare l’imprinting – FOTO

Nel Parco Natura Viva di Bussolengo è nato un raro gipeto: lo staff si maschera in un modo davvero particolare per evitare l’imprinting.

gipeto raro maschera imprinting
È nato un raro gipeto: lo staff si maschera per evitare l’imprinting FOTO (Julia e Fabian, @Parco Natura Viva Bussolengo)

I veterinari del Parco Natura Viva di Bussolengo, in provincia di Verona, stanno facendo davvero molto per tutelare gli animali.  I gipeti per lungo tempo avevano smesso di vivere sulle Alpi a causa dell’uomo e il parco sta portando avanti un progetto di ripopolazione.

Così, quando due gipeti, chiamati Julia e Fabian, litigando tra di loro hanno distrutto alcune uova della loro covata, i veterinari hanno deciso di portarne in salvo uno e di completare la gestazione in incubatrice.

È nato un raro gipeto: lo staff del Parco si maschera per evitare l’imprinting FOTO

maschera evitare imprinting gipeto
Lo staff del @Parco Natura Viva di Bussolengo si maschera per evitare l’imprinting umano sul gipeto

Così è nata una gipeto femmina che sarà reintrodotta prossimamente, il 13 giugno, in natura, nel Parco Regionale Des Grand Causses. Affinché questo sia possibile lo staff che nutre la piccola deve evitare che questa subisca l’imprinting umano che potrebbe impedirle di essere adatta alla vita in natura.

Chi portava il cibo alla piccola indossava un saio marrone che lasciava scoperti solamente gli occhi e le si avvicinava in totale silenzio, dandole il cibo attraverso un fantoccio presente sul braccio che riproduceva le fattezze di sua madre. La piccola sembrava riconoscere questa madre artificiale che veniva poi lasciata con lei. Lo stesso procedimento è stato fatto recentemente per il fratello della cucciola.

Grazie ad azioni come queste, svolte nell’ambito del progetto “Life Gypconnect”, in 34 anni sono stati reintrodotti in natura più di 300 esemplari nati in cattività

A due settimane dalla nascita abbiamo potuto portarla in un box sul nido in voliera nel quale trascorreva solo le ore più calde e dal quale poteva vedere la sua mamma da molto vicino mentre ora, abbiamo potuto spostarla lì stabilmente” ha dichiarato in un comunicato stampa il direttore del parco Camillo Sandri. La piccola, tramite l’osservazione della madre, sta iniziando ad acquisirne i comportamenti.

Potrebbe interessarti anche:

Teresa Franco