Home Cavalli Gli accessori indispensabili per prendersi cura del cavallo

Gli accessori indispensabili per prendersi cura del cavallo

CONDIVIDI

Igiene e cura del cavallo

igiene cavallo
Spazzolare cavallo

Come ogni specie, il cavallo necessita cure e attenzioni sia per il trattamento del pelo, della criniera o degli zoccoli. Polvere, insetti, incrostazioni del sudore nell’area della selle e del sottopancia, punture d’insetti o graffi. La pulizia del cavallo richiedere una cura continua mirata al benessere dell’animale. Infatti, l’accumulo della sporcizia porta ad una proliferazione dei batteri che possono causare irritazioni e infezioni piuttosto fastidiose per l’animale.

Non si tratta solo di un fattore estetico quanto invece fondamentale alla salute dell’animale. Ad esempio, se l’area della sella non viene pulita bene, sia il sottopancia che il peso della sella, possono creare attrito con l’accumulo della sporcizia e provocare le cosiddette “fiaccature” o piccole lesioni.

Inoltre, il momento della cura del cavallo è importante per rinforzare il legame con il cavaliere. Un modo con il quale creare un contatto e far conoscenza in questo modo con l’animale.

 

Strumenti per la cura del cavallo

Ci sono diversi accessori e spazzole per la cura del cavallo a cominciare dagli strumenti per la cura del pelo. Spazzole rigide e morbide ognuna delle quali ha una specifica utilità.

Spazzole per cavalli

La striglia- Si tratta di una spazzola rigida, una specie di “raspa” di forma ovale, di norma in acciaio oppure può essere anche di plastica o di gomma. Serve per rimuovere il fango, pulire le incrostazioni e per districare i peli corti. Inoltre, massaggia il pelo dell’animale. Va passata delicatamente, con piccoli movimenti circolari. La striglia non va mai usata per gli arti del cavallo e le parti sensibili dell’animale come dietro le orecchie o il muso. Si tratta di uno strumento rigido che può provocare anche dolore.

La striglia è anche usata per la criniera e la coda del cavallo, in un primo passaggio prima del pettine. In tal caso va usata seguendo il senso del pelo, senza movimenti circolari.

La brusca- Una spazzola con crine o setole dure che si passa dopo la striglia e serve per rimuovere la polvere, i granuli e la sporcizia più grossa dal pelo del cavallo. Al contempo rende il pelo più lucido. Va usata nella direzione del pelo e può anche essere passata sulle parti più sensibili come gli arti e il muso del cavallo.

Il bruscone- Il bruscone è una spazzola con setole più morbide che va usata per rifinire dopo la brusca e completare la pulizia del pelo. Rimuove le particelle di polvere più piccole che in generale causano l’opacità del pelo.

Pettine per criniera e coda– Un pettine duro, in ferro, per la cura della criniera e della coda del cavallo. Dapprima spazzolare con la striglia e la brusca per poi usare il pettine di ferro. Bisogna essere molto delicati, iniziando a districare i nodi dal basso, per poi salire verso l’attaccatura. La cura dovrebbe essere settimanale per evitare la formazione di nodi. E’ possibile anche applicare un prodotto districante.

Accessori pulizia del cavallo

Stecca per il cavallo

Oltre alle spazzole ci sono altri accessori indispensabili per l’igiene del cavallo.

La spugna- La spugna morbida va inumidita e serve per pulire gli occhi e le varici del cavallo. Nel caso di fango o polvere in eccesso, la spugna bagnata può anche essere utilizzata per pulire il muso e le orecchie del cavallo. Una seconda spugna è invece necessaria per pulire le parti della zona anale del cavallo e le parti intime sotto la pancia.

La stecca – è anche chiamata levasudore. Si tratta di uno strumento fondamentale e utilissimo per la cura del pelo ma anche per la salute del cavallo. La stecca va usata quando il cavallo è sudato o dopo la doccia, prima di rimetterlo nel box o di lasciarlo libero al pascolo. Va passata sempre dall’alto verso il basso, seguendo la direzione del pelo. Il cavallo è molto delicato ai colpi di freddo e la stecca è pertanto fondamentale per prevenire possibile conseguenze pericolose per l’animale.

Nettapiedi– Il netta piedi serve per pulire gli zoccoli del cavallo. Sia per la muraglia che sotto lo zoccolo. E’ formato da una piccola spazzola e da un ferro ricurvo che tira via la sporcizia accumulato sotto lo zoccolo dell’animale.

Prodotti per la cura del cavallo

Oltre alle spazzole e gli altri accessori è possibile usare alcuni prodotti detergenti per pulire e trattare il pelo dell’animale e renderlo brillante.

Districante – si tratta di uno spray che aiuta a pettinare meglio la criniera e la coda del cavallo. Essendo uno spray bisogna fare attenzione al momento della somministrazione. Lo spruzzo potrebbe far paura al cavallo. E’ pertanto preferibile che il cavallo non sia legato ad una staccionata..

Shampoo – Lo shampoo per lavare il cavallo, può essere usato anche volta a settimana. Va applicato con un guanto sul pelo dell’animale.

Grasso per gli zoccoli– si tratta di un prodotto fondamentale che deve essere sempre tenuto a portato di mano. Soprattutto d’estate gli zoccoli del cavallo andrebbero ingrassati anche tutti i giorni. Il grasso va applicato con un pennello su tutta la superficie dello zoccolo, insistendo sulla parte della corona ovvero la parte alta dello zoccolo.

Catrame– Il catrame serve per indurire lo zoccolo. Anche in questo caso va applicato con un pennello, nella parte sotto dello zoccolo, quella che poggia sul terreno. Viene soprattutto usato nel periodo invernale se il cavallo è all’esterno, a contatto con terreno umido oppure in modo più frequente durante tutto l’arco dell’anno se il cavallo vive nel box ed è costantemente a contatto con l’urina e il letame.

Ti potrebbe interessare–> Razze equine: come distinguerle, morfologia e manto

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI