Home News Grosseto, fioccano le denunce contro i cacciatori: “Regole violate sistematicamente”

Grosseto, fioccano le denunce contro i cacciatori: “Regole violate sistematicamente”

CONDIVIDI

caccia

La LAC attraverso le proprie guardie dislocate sul territorio di Grosseto dà notizia di aver ricevuto già undici denunce penali dall’apertura della caccia ad ora. In particolare si parla di persone sorprese a compiere illeciti nello svolgimento dell’attività venatoria, come l’abbattimento di specie protette o l’utilizzo di strumentazioni vietate, quali possono essere congegni atti a richiamare la selvaggina.

Inoltre è sempre diffuso l’uso di armi non a norma, perché non denunciate regolarmente circa il loro possesso o perché modificate. Un’altra pratica non consentita ai cacciatori ma che gli stessi attuano in maniera indiscriminata consiste nell’utilizzare degli animali vivi come vere e proprie esche, cosa che facilmente arriva a sconfinare nel vero e proprio maltrattamento di animali perseguibile penalmente, mentre il reato più diffuso consta della mancanza dei necessari permessi per praticare la caccia.

Ad ogni modo le forze dell’ordine, nei casi riscontrati, hanno provveduto a porre sotto sequestro la selvaggina abbattuta oltre alle armi ed alle altre dotazioni utilizzate.

Si pone all’evidenza poi il fatto che molti cacciatori siano soliti provenire da altre regioni, e che tra le specie animali più a rischio impallinamento ci siano uccelli di piccola taglia.

In particolare le pispole ed i fanelli sono i volatili maggiormente esposti alla furia dei cacciatori: in molti casi il peso delle cartucce è persino superiore a quello di questi pennuti. E poi, altre sanzioni sono giunte per pratica della caccia al di fuori degli orari consentiti e per il superamento dei capi giornalieri stabilito dalla legge (20 animali massimo da abbattere nell’arco di 24 ore).

Tutte norme che i cacciatori infrangono con noncuranza in maniera sistematica e con estrema facilità. La LAC propone di vietare la caccia nelle zone interessate dalla migrazione degli uccelli, cosa già richiesta dalla Commissione Europea.

Infine la stessa pratica della caccia risulta pericolosa non solo per la fauna ma anche per le persone, alla luce dei numerosi incidenti anche gravi  che si sono verificati nelle scorse settimane.