Home News Il divieto di nuoto con i delfini nei parchi acquatici è stato...

Il divieto di nuoto con i delfini nei parchi acquatici è stato confermato

CONDIVIDI

Dopo le svariate proteste di Lav a maggio 2019 è finalmente uscita la sentenza che impedisce ai visitatori dei parchi acquatici di nuotare con i delfini, Ora è stata definitivamente confermata.

delfino significato
I delfini nei parchi acquatici (Foto Pixabay)

Nel dicembre 2017 era stato firmato un decreto-deroga che permetteva ai clienti dei parchi acquatici di interagire con i delfini e anche di nuotarci insieme nella stessa vasca.

Questo decreto aveva scatenato l’ira dei volontari della Lav che da tempo protestavano perché ciò non avvenisse.

Le proteste furono così insistenti e incessanti che i giudici amministrativi regionali del Tar del Lazio decisero di cancellare il decreto per tutelare la sicurezza degli animali.

Gianluca Felicetti, presidente dell’associazione LAV aveva scritto:

Il Tar del Lazio ha finalmente dato ragione alle nostre motivazioni giuridiche ed etiche che non siamo riusciti a far valere per un anno e mezzo contro i ministeri dell’Ambiente Galletti, della Salute Lorenzin e delle Politiche agricole Martina

Rimuovendo il divieto preesistente e consentendo al pubblico di nuotare nella stessa vasca con i delfini (per inverosimili finalità di ‘educazione e sensibilizzazione del pubblico in materia di conservazione della biodiversità con i delfini) favoriva l’aumento di spettatori e il conseguente ricavo economico”.

Senza considerare le conseguenze sugli animali: nuotare con il pubblico, infatti, è un’attività che produce ulteriore stress ai delfini, già detenuti in spazi limitati e costretti ad esibirsi in spettacoli con salti e piroette, accompagnati da musica ad altissimo volume”.

potrebbe interessarti anche—>Maltrattamenti animali, le orribili condizioni di delfini, elefanti ed altri a Bali; FOTO

delfino significato
Il delfino: animale marino (Foto Pixabay)

Il parco acquatico Zoomarine per il decreto cancellato aveva presentato  una richiesta d’appello contro la sentenza emessa lo scorso maggio dal Tar del Lazio.

Grazie all’ordinanza n°3821 del 2019 lo Zoomarine dovrà rinunciare a circa 22mila euro giornalieri che avrebbe percepito se fosse stato ancora in vigore il decreto del 2017.

potrebbe interessarti anche—>Le balene e i delfini conducono ;vite umane;: capacità cognitive si evolvono nell;interazione sociale e ambientale

Il responsabile dell’aria animali esotici di Lav Andrea Casini ha sottolineato la soddisfazione dell’associazione dichiarando:

Siamo soddisfatti della piena conferma della linea indicata dalla decisione del 4 luglio scorso, con cui il Presidente della Quarta Sezione del Consiglio di Stato aveva rigettato la richiesta di sospensiva urgente della sentenza del Tar Lazio, che chiariva l’importanza del divieto a tutela degli animali, ritenuto predominante anche su aspetti commerciali“.

Un’altra vittoria giudiziaria che ci fa ben sperare in una positiva conclusione dell’intero processo, quando le ragioni scientifiche e i profili di tutela animale non potranno che confermare quanto finora deciso, prevalendo sugli interessi economici della società”.

affinché i profili di tutela degli animali, le evidenze scientifiche e la copiosa bibliografia depositata, confermino nel merito la decisione, e continueremo la battaglia fino alla chiusura spettacoli e prigionia animali”.

I delfini e tutti gli altri animali che vengono costretti ad  esibirsi in questi parchi vivono  in spazi ristretti, conducono una vita apatica e stressante che non gli appartiene.

I delfini sono creature intelligenti e sociali che, in natura, interagiscono con centinaia di compagni, cacciano in comune e hanno un’intero mare dove scorrazzare.

In cattività, tutto questo ovviamente non accade. La socializzazione per questi delfini e molto limitata hanno pochi compagni all’interno della vasca.

potrebbe interessarti anche—>Delfinari nel mondo: l;orrore nei sorrisi dei delfini. In Vietnam la prima vittoria per la chiusura di un parco acquatico

Delfino costretto ad esibirsi in un parco acquatico

I delfini in cattività vengono nutriti con pesci morti (i delfini selvatici catturano e mangiano solo pesci vivi) e affrontano una riduzione dello spazio eclatante.

I delfini allo stato brado possono nuotare fino a 60 o 80 chilometri in un giorno e possono immergersi a profondità molto elevate . Anche nelle più grandi strutture, i delfini hanno accesso a meno dell’1% dello spazio  che avrebbero a disposizione nel loro habitat  naturale.

Per una creatura curiosa e intelligente come il delfino, una vasca sterile non offre stimoli esplorativi rispetto al vasto e complesso mare o oceano .

Permettere ai visitatori dei parchi di nuotare con loro sarebbe un ulteriore stress per gli animali compromettendo il loro già precario benessere .

L.L.

potrebbe interessarti anche—>Da oggi vietato entrare nella vasca dei delfini presso i delfinari

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.