Home News Il padrone è in ospedale: il cane scappa di casa e lo...

Il padrone è in ospedale: il cane scappa di casa e lo cerca per un mese

CONDIVIDI

Sono storie di fedeltà, quelle che rubano l’animo e il cuore. Racconti che ci fanno capire quanto amore vi siano in quelle piccole creature che ogni giorno sono al nostro fianco. Troppe volte non ci accorgiamo della loro presenza, ma loro sono là, ci guardano, osservano, condividono le gioie e i dolori dei loro padroni.

Scientificamente lo chiamano “ormone dell’amore“, lo stesso che hanno gli esseri umani e che provoca una sensazione di amore incondizionato, come quello che prova una madre per il proprio figlio. Si tratta più semplicemente del sentimento più bello che può essere provato e i nostri compagni a quattro zampe come dei messaggeri, stanno lì a ricordarcelo. Gli animali, come ci ha anche permesso di capire il giovane Massimiliano Sechi, in arte Macshg, rimasto senza tre arti, ci mostrano in parte la via per capire il significato stesso della vita e della felicità.

Da Proserpio, in provincia di Como, arriva la storia di un dolce cagnolino di nome Batan che per oltre un mese ha cercato il suo padrone Dario Pina, di 65 anni, ricoverato in ospedale.

L’uomo, dopo essere stato operato al cuore, ha avuto una lunga degenza. Quando è uscito dall’ospedale, si è messo subito alla ricerca con alcune persone del suo piccolo compagno di 12 anni. Un meticcio che non riuscendo a stare senza il suo amico umano è partito alla sua ricerca, scappando dalla casa dove era in stallo, lo scorso 16 luglio.

Quando i nostri 4zampe si sentono traditi e smarriti

Il cane era stato visto dai residenti che lo conoscevano. Baltan però non si lasciava avvicinare e ripercorreva i luoghi dove era solito andare con il suo padrone. Solo dopo un mese, finalmente, quando Dario è uscito dall’ospedale e si è messo subito alla ricerca del cane, Baltan ha potuto trovare pace.

Infatti, come riporta il quotidiano locale, laprovinciadicomo.it, solo quando Dario lo ha chiamato, Baltan si è fatto avvicinare.

Il cane era evidentemente disorientato e provato dall’esperienza, dimagrito. Baltan era spaventato e a dopo aver esitato per il lungo periodo di separazione, alla fine non ha resistito al richiamo e si è poi abbandonato al suo amico, facendogli le feste ed esprimendo tutto la sua piccola e innocente gioia.

C.D.