Home News Intervista a Lena Lane: dal brano “Il Dono” alla carriera e alla...

Intervista a Lena Lane: dal brano “Il Dono” alla carriera e alla vita privata -VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:59
CONDIVIDI

Intervista a Lena Lane, un tuffo nel suo mondo raccontato attraverso il significato contenuto nel brano “Il Dono” nato in collaborazione con il WWF

Lena Lane in studio (Foto Instagram)
Lena Lane in studio (Foto Instagram)

Il brano “Il Dono” è un inno ad amare la natura, in tutte le sue forme. Un invito pieno di speranza che Lena in collaborazione con il WWF, ha scelto di diffondere attraverso la musica. L’attenzione ai piccoli gesti da parte di noi esseri umani, utili per la salvaguardia dell’intero Pianeta, ne rappresenta la cornice più preziosa. Un video-animazione preparato per i più piccoli, al fine di insegnargli, già da ora, cosa conta davvero. L’amore per gli animali, soprattutto quelli maggiormente colpiti dal bracconaggio, dall’inquinamento e dal rischio estinzione, un concetto che prende forma nel verso “Ora è tempo di vincere”. Lena Lane è un’artista che ha fatto della sua musica una poesia per abbracciare il mondo intero.

Intervista a Lena Lane, dall’amore per gli animali ai progetti musicali

Lena e Wendy (Video Instagram)
Lena e Wendy (Video Instagram)

 

Quando ho ascoltato il brano “Il dono” ho subito pensato ad un collegamento con la pandemia, dunque con quello che stiamo affrontando oltre al fatto che il brano è stato anche realizzato in occasione dei  50 anni dell’Earth Day. E’ quindi  proprio questo il significato che contiene?

 

“A dirti la verità, in realtà questo brano l’ho scritto un bel po’ di mesi fa, quindi  ancora la pandemia non c’era ma perché sentivo la necessità di scrivere qualcosa, essendo una grande appassionata di animali e soprattutto riscontrando con le altre persone davvero un problema grave come quello ambientale. Lo abbiamo visto anche semplicemente dagli incendi che ci sono stati in Australia a fine anno che erano sulla bocca di tutti e quindi dato che era da tanto che volevo scrivere qualcosa, il periodo della pandemia è stata un po’ l’occasione per riunire il concetto che avevo già scritto da tempo.”

 

In relazione a questo mi ha colpito particolarmente la frase “Ora è tempo di vincere” . Ci ho visto una sorta di ribaltamento della natura nei confronti dell’uomo, una sorta di vittoria della natura. E’ questo il messaggio che vuoi trasmettere con questo verso?

“La natura in tutto questo blocco che c’è stato è come se fosse un attimo rinata. Quando ho cantato la canzone c’era dentro di me la speranza che si prendessero dei provvedimenti seri per dare uno stop a quello che si verificherà se non prendiamo provvedimenti.  Probabilmente, ci sarà quello che chiamano tra virgolette l’autodistruzione della Terra. Quindi, “Ora è tempo di vincere” vuol dire: Rimbocchiamoci le mani, guardiamo in faccia la realtà, prendiamo dei provvedimenti tutti noi perché basta veramente poco. Basta non sprecare il cibo, l’acqua, fare una raccolta differenziata corretta. Ci sono tantissime cose che possiamo fare quindi quella frase lì è proprio riferita a questo.”

 

Poi, ho notato nel video, com’è organizzata la struttura del testo e anche l’animazione che questo video fosse realizzato per i bambini, per lanciare un messaggio nei loro confronti. Qual è il significato che vuoi comunicare, trasmettere?

 

“Guarda ci hai azzeccato a pieno perché quando abbiamo scritto il testo in realtà il nostro obiettivo era essere diretti con pochi e semplici frasi che potessero essere comprensibili anche ai più piccoli, proprio perché io credo sia davvero importante prestare attenzione alle nuove generazioni. Alla fine, se ci pensiamo sono il nostro futuro, il mondo rimarrà a loro. Quello che gli insegni oggi, se lo ricorderanno domani. Se prendono una buona abitudine oggi, saranno degli adulti migliori e sicuramente essendo persone migliori, costruiranno un mondo migliore.”

 

Nel video compaiono 11 animali a rischio estinzione e tu hai scelto di dedicare questo brano al panda, soffermarti su questa figura. Quindi, vuoi dare attenzione alla preservazione delle specie a rischio. Volevo chiederti, quanto è importante per te diffondere la concezione di dare attenzione a questa tematica?

 

“Tantissimo perché ti confesso a me dispiacerebbe tantissimo se i miei figli piuttosto che i miei nipoti non potessero vedere anche semplicemente un elefante che è un animale così’ comune che mi dispiacerebbe tantissimo. Quindi, quando abbiamo realizzato il videoclip siamo stati limitati perché abbiamo utilizzato gli emoji, quelle di wasthapp e non c’era vasta scelta di specie animali però abbiamo fatto una scelta dettagliata nel senso che abbiamo scelto gli animali che alla fine sono a rischio estinzione come ad esempio la volpe o anche lo stesso koala che è stato protagonista degli episodi che sono avvenuti a novembre. E quindi, sicuramente è un tema importante che volevo fosse all’interno dell’animazione.”

 

Una domanda di natura personale: il sentimento che ha prevalso maggiormente quando hai interpretato il brano? Qual è stata l’emozione che ha avuto maggiore risalto?

 

“Sentivo dentro di me che avrei voluto scrivere un brano che potesse diventare un messaggio quindi sicuramente c’era quella grinta ma anche la tristezza della situazione. Quindi un bel po’ di sentimenti durante la registrazione, sicuramente, anche la speranza che non deve mai mancare.”

 

Infatti, il tuo amore per gli animali si evidenzia anche nella tua vita privata perché abbiamo visto sui social che compare spesso una cagnolina Yorkshire. Quindi, parlaci un po’ del tuo rapporto con lei.

 

“Allora, la Yorki si chiama Wendy. Ha 9 anni ed è veramente speciale per me. Nella mia vita sono stata davvero fortunata perché i miei genitori mi hanno trasmesso l’amore per gli animali domestici. Mi ricordo che a 11 anni, l’insegnante di inglese chiese di fare una fotografia di famiglia, già di base siamo molto numerosi perché avendo 4 sorelle la foto sarebbe venuta abbastanza piena e quel periodo lì avevo un coniglio, un pappagallo…però devo dire la verità, Wendy ha vissuto un po’ la mia crescita e sono passata da adolescente ad adesso che sono adulta. Lei viene in studio, era presente quando ho scritto molte canzoni, quando ho registrato il brano era presente. E’ parte integrante della mia vita, quindi non so cosa farei senza di lei. Sono innamorata degli animali e in modo particolare per i cani.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

È l’ora della Terra… Spegniamo le luci e illuminiamoci di Amore 🌱❤️ 🕯🤫 #earthhour

Un post condiviso da LENA LANE (@lenalanereal) in data:

 

Oltre ai cani, c’è qualche altro animale che preferisci, che ami particolarmente?

“Ti direi il cavallo perché quando ero piccola ho fatto equitazione. Poi, per mia sfortuna non ho potuto continuare perché ho avuto un problema al ginocchio ma sicuramente il cavallo.”

Hai un nome abbastanza particolare, vorresti spiegarci da cosa trae origine? 

“Quando ho iniziato a cantare professionalmente che scrivevo le canzoni, facevo vari provini, corsi…non mi piaceva presentarmi come Valentina, non che non mi piacesse il nome, però volevo particolarizzarlo. Mia madre a quei tempi, mi raccontava di una sorella con cui purtroppo non si parlava più, il suo nome è Elena e siccome Lena è un diminutivo di Elena ed essendo che le lettere ci sono in Valentina, ho voluto portare parte della mia famiglia con me ed è nato Lena.”

Nella tua famiglia mi piaceva sapere se sei soltanto tu che hai questa passione, questo talento per la musica oppure c’è qualcun altro che inizia a muovere i primi passi verso la musica e vorrebbe  come te intraprendere la carriera o entrare a far parte di questo mondo.

“A dire la verità, sono l’unica, il primo componente che ha intrapreso questa carriera musicale; anche se , devo dire la verità, mio padre non ha una brutta voce. Quando parla ha un timbro molto fine soprattutto quando parla in dialetto calabrese, si percepisce tantissimo però quando canta ha veramente un bel timbro. Non so se perché quando usa il diaframma vengono fuori quelle note basse e il suo range vocale mi ricorda Modugno però sono l’unica, la prima.”

In riferimento al mondo della musica, quali sono i tuoi progetti futuri? 

“Adesso, sicuramente, portare in giro il dono. Grazie alla collaborazione con il WWF con cui ho avuto la fortuna di collaborare sono davvero grata e porterò questo progetto al pubblico. Stiamo lavorando al prossimo singolo che spero di far uscire tra pochi mesi.”

Potrebbe interessarti anche: 

Benedicta Felice