Home News Jason Momoa riceve pesanti critiche da PETA per il video con l’orso

Jason Momoa riceve pesanti critiche da PETA per il video con l’orso

CONDIVIDI

Jason Momoa è l’attore noto per aver interpretato il ruolo principale del supereroe Aquaman nell’universo DC, e Khal Drogo in Game of Thrones la serie tv HBO tratta dai libri le cronache del ghiaccio e del fuco di George R.R.Martin .

Jason Momoa criticato da PETA per il video dietro le quinte dell’orso (Foto Getty)

L’attore è molto attivo sui social e spesso si diverte a pubblicare dei video divertenti, ma questa volta la pubblicazione del suo post  sul suo profilo Instagram, ha destato molte perplessità e lamentele da parte degli animalisti, a cui il video proprio non è piaciuto.

La star di Game Of Thrones a quanto risulta ha pubblicato la clip del dietro le quinte del suo nuovo show intitolato  See, in cui combatterà con un orso kodiak altro un metro e ottanta. Per la scena l’attore ha dovuto avvicinarsi sempre di più all’animale, molto lentamente per diverse settimane, in modo da riuscire ad interagire con l’orso.

potrebbe interessarti anche—>Conosci la razza di cani che compare nel Trono di Spade?

Jason Momoa e il video con l’orso

Jason Momoa
Jason Momoa criticato da Peta per il video pubblicato sul suo profilo Instagram

Nel video pubblicato su Instagram, Jason viene ripreso mentre da da mangiare dalla sua bocca un biscotto ad un orso, le immagini girate probabilmente per  promuovere la nuova serie tv See, sono meravigliose e allo stesso tempo agghiaccianti.

La registrazione dell’orso che mangia un biscotto dalla sua bocca, ha fatto  infuriare l’organizzazione no-profit  PETA (People for the Ethical Treatment of Animals), dall’account twitter dell’organizzazione sono stati pubblicati parecchi post di disapprovazione.

Nella clip pubblicata su Instagram Momoa scrive:“Le cose che facciamo per la nostra ARTE. See è uscito. L’orso deve conoscere il tuo profumo. Quindi ecco i miei baci biscottati a questo grosso ragazzo. Ti amo”

Sulla pagina twitter della Peta però è stata messa in luce una vicenda che sta facendo riflettere in tanti. Lo sfruttamento di animali selvatici per scopi che prevedono l’addestramento e la detenzione forzata di queste creature.

Nei giorni scorsi infatti su Facebook e sul web era stato pubblicato un video dove un orso sfruttato in un circo aveva aggredito il suo addestratore durante uno spettacolo del circo.

L’episodio ha scosso le coscienze di moltissime persone che si sono rese conto che tutti gli animali dovrebbero essere liberi di vivere la propria vita nel proprio habitat e non dovrebbero essere addestrati e sfruttati per il diletto degli esseri umani.

Ed ecco perché anche PETA dopo la pubblicazione del video Instagram dell’attore ha voluto esprimere il proprio parere

una triste acrobazia, un orso in cattività ha mangiato un biscotto dalla bocca dell’attore Jason Momoa. Gli orsi usati per l’intrattenimento sono spesso strappati dalle loro madri e costretti a esibirsi. Per favore, Jason, non promuovere lo sfruttamento degli animali selvatici in futuro. “

A quanto risulta dal post pubblicato dall’organizzazione no – profit  l’orso  sarebbe stato fornito alla produzione da un noto espositore di animali Steve Martin Working Wildlife.

Secondo PETA l’uomo sarebbe stato citato numerose volte dall’USDA per aver violato  alcune leggi federali  che riguardano il  benessere degli animali, sarebbe stato accusato di non aver fornito un’adeguata assistenza veterinaria,” bloccando i primati fino a 18 ore al giorno e altro “

“Momoa sa quanto siano realistici gli effetti speciali e quanto sia facile grazie alle tecnologie all’avanguardia ricreare grazie al computer anche animali complessi, avendo lo stesso risultato senza il bisogno di sfruttare gli animali”.

“Sottoporre l’orso alle luci intense e al trambusto di un set di produzione cinematografica è stressante e obsoleto”.

L’associazione ha quindi esortato l’attore ad essere un uomo compassionevole nei confronti di queste povere creature, e a considerare il rifiuto di alcuni ruoli che comprendano il lavoro con animali selvatici addestrati e sfruttati per il futuro.

L.L.

potrebbe interessarti anche—>

Amoreaquattrozampeè stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI