Home News Ali trasparenti e strategia difensiva: la farfalla Greta Oto

Ali trasparenti e strategia difensiva: la farfalla Greta Oto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:04
CONDIVIDI

La farfalla dalle ali di vetro, un animale stupendo che affascina e meraviglia nello stesso tempo. Sembra finta ma è vera

Farfalla di vetro (Foto Adobestock)
Farfalla di vetro (Foto Adobestock)

 

Chi di noi non è rimasto affascinato da esemplari splendidi come le farfalle. Ce ne sono di tutti i tipi ed è meraviglioso cercare di conoscere tutte quelle esistenti. Ognuna di esse ha una particolarità che sorprende e fa restare affascinati. Una di queste è la farfalla dalle ali trasparenti che dal suo aspetto richiama il vetro. Il suo nome comune è Greta Oto ed ha delle caratteristiche sorprendenti.  Vediamo di cosa si tratta.

La farfalla dalle ali di vetro, un esemplare unico e raro 

Greta Oto (Foto Adobestock)
Greta Oto (Foto Adobestock)

Innanzitutto, l’esemplare menzionato è un tipo di lepidottero diffuso nell’America centrale. Come si evince anche dal nome, la sua particolarità risiede nelle sue ali che non hanno colore a causa dell’assenza di pigmento che gli conferisce un aspetto invisibile. Le sue ali non solo la rendono meravigliosa agli occhi di noi umani per quanto concerne la sua bellezza ma le offrono l’occasione di ingannare i predatori. Come avviene ciò? Semplice, utilizzando il suo mimetismo.  Questa sua specificità dunque, non è altro che un mezzo per salvarle la vita, un aspetto che unisce l’utile al dilettevole. Gli uccelli predatori hanno difficoltà ad inseguirla non riuscendo a scoprire dove possa fermarsi per superarli. Una strategia utilissima che fa capire quanto ogni elemento nella natura, sia perfettamente organizzato.

Nulla è messo al caso e ogni minimo particolare è focalizzato su un obiettivo ben preciso.Tale aspetto si nota anche nella sua conformazione fisica in quanto i bordi opachi sono marroni mentre e a volte hanno anche delle striature rosse e arancioni. Per quanto concerne invece altri particolari, la sua apertura alare oscilla tra i 5,6 e i 6,1 cm, dimensioni che contribuiscono a renderla ancora più bella di quanto sia. La sua vera essenza emerge anche nella denominazione inglese “glasswinged” o ali di vetro, com’è opportunamente detta.

La sua bellezza è unica e inconfondibile. Le ali della farfalla , in determinate occasioni, sono dotate anche di un potere riflettente. Da qui deriva anche il soprannome spagnolo, “Espejito” che tradotto vuol dire “piccolo specchio”. Insomma, al posto delle ali sembra avere delle vele da windsurf.

E’ una vera e propria meraviglia, e voi cosa ne pensate?

Potrebbe interessarti anche:

Benedicta Felice