Home News La fattoria degli animali salvati, il progetto di una ragazza dalle idee...

La fattoria degli animali salvati, il progetto di una ragazza dalle idee chiare -FOTO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:13
CONDIVIDI

La fattoria degli animali salvati, il bellissimo progetto ideato da una ragazzina di tredici anni con la vocazione da futura veterinaria

La capre della fattoria (Foto Facebook)
La capre della fattoria (Foto Facebook)

 

L’amore per gli animali si manifesta fin da bambini. Spesso è talmente forte che non può far rimanere chi lo prova con le mani in mano. La passione di una ragazzina di soli tredici anni è talmente grande da indurla a compiere un gesto pieno di altruismo. Una tredicenne di Fidenza ha creato una fattoria di animali in un’antico casolare di loro proprietà, ospitando ben 94 animali. Una storia bellissima che vale la pena ascoltare.

Potrebbe interessarti anche: Animali della fattoria: quali sono, a cosa servono, elenco e curiosità

La fattoria degli animali salvati, un progetto lodevole ideato da una tredicenne 

La mucca nella struttura (Foto Facebook)
La mucca nella struttura (Foto Facebook)

Gli animali salvati per strada sono i più vari, non solo cani e gatti ma anche galline, conigli, criceti, mucche, asinelli, maiali e così via. Queste adorabili creature non sono state prese a caso in quanto sono stati recuperati da situazioni di sfruttamento o altri momenti complicati. La fattoria infatti ospita Lola, la vitellina priva di bulbi oculari fin dalla nascita, l’agnellina orfana Pandora che il padrone ha venduto al macello per l’impossibilità di acquistare il latte artificiale. Ad esse, si uniscono le storie della chihuahua  sfruttata come fattrice, il gallo senza un occhio e il cane diventato cieco, purtroppo legato ad un albero.

Potrebbe interessarti anche: Solidarietà ai tempi Covid: videochiamate con gli animali in fattoria

Quando è arrivata era terrorizzata..” ha detto la mamma della ragazzina riferendosi alla pelosetta sfruttata. Un altro terribile racconto concerne anche il gattino picchiato dai padroni: “Ha trascorso quindici giorni, scosso, sotto il lavello della cucina.” Creature meravigliose che hanno vissuto indicibili sofferenze e che grazie alle attenzioni di tutti i membri della famiglia hanno la possibilità di ricominciare da capo. La famiglia accoglie anche animali che i padroni non possono più tenere in casa per diversi motivi. Un esempio è la mucca bruna che il padrone ha dovuto affidare alla famiglia perché non può più occuparsene. L’uomo ha subito un incidente e non può prendersi cura di lei.

La richiesta di supporto 

Amore e passione (Foto Facebook)
Amore e passione (Foto Facebook)

Una serie di gesti premurosi che però hanno bisogno di un aiuto molto importante. Si tratta della richiesta di fieno, insieme a crocchette per cani e gatti, compreso il mangime per galline e oche. Fino ad oggi, la famiglia ha ricevuto aiuti dall’Enpa di Parma però sottolineano la loro necessità di ricevere qualche altro sostegno, per la numerosa presenza di animali accolti. “Chi vuole aiutarci, può contattarci” hanno affermato.

Rivolgiamo i nostri più sentiti complimenti a Rebecca e alla sua famiglia, per la splendida iniziativa, rivolgendo un appello a chiunque ne abbia la possibilità, di continuare a far crescere il loro sogno.

Oggi volevamo parlarvi di chi, oltre a cani e gatti, salva anche caprette, lama, conigli, asinelli, pecore, cavalli,…

Pubblicato da Canile DI Fidenza su Martedì 6 ottobre 2020

Benedicta Felice