Home News La gattina randagia sorda che rinasce grazie alla sua nuova padrona -FOTO

La gattina randagia sorda che rinasce grazie alla sua nuova padrona -FOTO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:09
CONDIVIDI

La gattina randagia sorda che deve lottare per sopravvivere e stare bene. Una vicenda che fa riflettere sull’importanza di un gesto di aiuto

Lo sguardo speranzoso (Foto Instagram)
Lo sguardo speranzoso (Foto Instagram)

Non poteva sentire nessun suono, nessun rumore. La sua vita, già dalla nascita, era appesa ad un filo, perché la gattina Gracie era sorda. La sua precaria condizione di salute era aggravata dal fatto che era randagia e non aveva nessuno che poteva prendersi cura di lei. Nonostante tutto però, la sua grinta l’ha aiutata a sopravvivere e a sperare in un domani migliore. Ecco la sua storia

Potrebbe interessarti anche: Come prendersi cura di un gatto sordo: consigli per farsi capire

La gattina randagia sorda, una storia di difficoltà e di tanta speranza 

Il gattino al sicuro (Foto Instagram)
Il gattino al sicuro (Foto Instagram)

La forza della micina era tanta ma a volte sembrava non bastare un mondo crudele e pieno di ostacoli che le impedivano di sopravvivere.  Un giorno però, la sua esistenza ha preso un’altra piega grazie all’incontro con Laura, avvenuto nel 2010. La donna ha potuto vedere con i propri occhi in che stato versava la micina, bisognosa di immediate cure mediche e di premure. Così, l’ha portata dal veterinario che le ha riferito che era sorda. Da quel momento è iniziato il suo percorso in discesa verso la rinascita.

La pelosetta mostrava segni di miglioramento quotidiani, sentendosi bene, giorno dopo giorno. Il percorso è stato lungo e faticoso ma alla fine la sua energia e la sua forza di volontà l’hanno premiata. Gracie è stata adottata da Laura, salvandola da un presente e un futuro incerto. Senza il suo aiuto, la vita non sarebbe stata clemente con lei, già compromessa a causa del suo problema di salute.

Purtroppo, sono tante le storie di animali randagi che non hanno la fortuna di venire adottati da qualche famiglia disposta a prenderli con sé. Molti muoiono, dopo giorni di sofferenza per placare la loro fame o vengono accidentalmente investiti. Un destino crudele al quale si può porre fine solo con l’adozione. Un gesto vero, colmo di generosità che restituisce una vita dignitosa a chi, era condannato a non averne una.

Complimenti alla donna che ha fatto rinascere questa adorabile gattina. Gracie le dimostrerà per sempre la sua riconoscenza.

Benedicta Felice