Home News La regione più all’avanguardia della Nazione: Legge contro il randagismo

La regione più all’avanguardia della Nazione: Legge contro il randagismo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:43
CONDIVIDI

Da molto tempo si parla di realizzare una legge appositamente pensata per modificare una vecchia norma del 1995, per far si che chiunque abbia una condanna per maltrattamento di animali non possa in alcun modo accedere alle adozioni di animali o  ai bandi di concorso per l’acquisizione e la gestione di canili.

Cane canile
Cane in gabbia (fonte foto Pixabay)

Questa mattina si è svolta la discussione della legge nel consiglio regionale della regione Puglia. Dopo circa 4 ore di intervento è stato finalmente approvato il disegno di legge destinato al controllo del randagismo nella regione.

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, è  intervenuto molte volte a sostegno   della nuova legge. Sono stati presentati e discussi 35 emendamenti  e il presidente Pugliese è intervenuto per sostenere le modifiche proposte dalla maggioranza. Con l’approvazione della nuova legge verrà in automatico abrogata la norma obsoleta del 1955.

Il nuovo disegno di legge della Puglia

Cani canile
Cani nel canile foto repertorio

Il nuovo disegno di legge comprende svariati punti per far si che tutti i cittadini siano contenti della nuova proposta, comprendendo anche tutto ciò che concerne le competenze della Regione e dei Comuni per la sanificazione la ristrutturazione e la costruzione di canili sanitari ai quali saranno affidati i cani e i gatti randagi.

Verranno inoltre stabiliti i requisiti essenziali di queste strutture con dei seri provvedimenti e obblighi per i gestori.

Sarà inoltre istituita l’anagrafe canina per gli animali domestici e le ASL saranno costrette a diffondere informazioni sui metodi che riguardano il controllo della riproduzione degli animali.

Una commissione regionale sarà incaricata di coordinare e controllare che la legge venga applicata e seguita da tutti. Ogni associazione per gli animali iscritta nell’elenco regionale non dovrà avere nessuno scopo di lucro ogni associazione dovrà quindi essere una no profit.

Saranno regolamentati anche l’esposizione e la vendita di animali da compagnia e anche l’educazione e l’addestramento.
Sarà concesso agli animali di accedere in qualsiasi  ai parco o giardino  pubblico, nelle attività commerciali e anche sui trasporti pubblici.

La gestione dei canili sarà affidata solo a persone competenti e vi sarà il divieto di trasferire animali in strutture di ricovero fuori dalla provincia di appartenenza. Ma i punti più salienti della nuova legge saranno :

  • Impossibilità di adottare un cane per chi ha condanne per maltrattamenti sia di animali che di persone.
  • Sterilizzazione gratuita presso la Asl (solo per animali che non erano stati sterilizzati in canile prima dell’adozione).
  • Una sezione informatica interamente dedicata agli animali randagi  dove pubblicare le foto e i dati raccolti.
  • Trattamenti sanitari e sterilizzazioni gratuite per i cani delle aziende zootecniche.
  • convenzioni con le associazioni per gli interventi di limitazione delle nascite.
  • Divieto assoluto di detenere qualsiasi animale a catena.
  • Recupero di felini tramite Asl

Carla Rocchi presidente nazionale Enpa ha commentato positivamente la scelta della regione Puglia definendo la nuova legge all’avanguardia non solo per le regioni del sud ma rispetto a moltissime regioni a livello nazionale.

L.L.

potrebbe interessarti anche—>

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI