Home News Angeli dei 4 Zampe La salvano dalla dipendenza da eroina: ora Nesha ha una casa

La salvano dalla dipendenza da eroina: ora Nesha ha una casa

CONDIVIDI

In poco più di un anno di vita, Nesha ha sofferto più di quanto abbia fatto ogni cane. Ma presto, lei non sarà più un cane senzatetto che era un tempo dipendente dalla droga, ma invece un nuovo membro di una famiglia amorevole. La sua vicenda è stata raccontata dal portale The Dodo. Nata a Kabul, in Afghanistan, Nesha è stata accolta sin da subito da un uomo che viveva sotto il ponte Pul-e-Sokhta, un noto spazio vitale per le persone alle prese con la tossicodipendenza.

Senzatetto e dipendente dall’eroina, l’uomo ha presto trasmesso la sua dipendenza al cane – e anche lei inconsapevolmente è diventata dipendente dalle droghe. I bambini del vicinato individuarono Nesha un giorno nell’estate del 2016 e iniziarono a fare dei video. Si vedeva chiaramente, nei video che ora non sono più online, che Nesha era visibilmente sotto effetto di droghe e strofinava compulsivamente il suo corpo debole contro il ponte dove viveva.

Il video è diventato virale e il giovane cane si è trovato al centro di un dibattito nazionale sull’epidemia di oppio del paese. I veterinari di Nowzad, l’unico rifugio per cani in Afghanistan, erano disperati nella speranza di salvare Nesha, così hanno viaggiato fino al ponte e l’hanno sequestrata. “Il proprietario non voleva darci Nesha in un primo momento, sostenendo che si sarebbe ammalata se non avesse preso le sue tre dosi di droghe ogni giorno”, ha detto Mujtaba Rezaei, un veterinario di Nowzad.

Il primo caso di questo tipo

I veterinari non avevano mai trattato un cane con una tossicodipendenza – e il loro primo caso si è rivelato estremamente impegnativo. Nesha avrebbe sbattuto la testa contro le pareti quando si disintossicava. Quindi i veterinari dovettero sottoporla a basse dosi di antidolorifici somministrate tre volte al giorno per svezzarla lentamente dall’eroina. Dopo essersi drogata per così tanto tempo, i muscoli delle zampe posteriori di Nesha erano così deboli che non riusciva a camminare.

Ma dopo alcuni mesi di riabilitazione, ha superato la dipendenza e riguadagnato le sue forze usando un carrellino per sostenere le sue gambe. I soccorritori annunciarono presto che era in adozione e Brock Ditto, di Burlington, Kansas, sapeva che lei era il cane perfetto per lui. “Quando ho visto la sua storia su The Dodo, il mio cuore si è commosso”, ha detto Ditto al Dodo. Dopo aver saputo che Nesha era molto amichevole e buona con le persone e gli altri cani, Ditto non vedeva l’ora di portarla a casa per incontrare i meticci di pastore tedesco, Sis e Jax.

Ha fatto domanda per adottare Nesha e ottenuto l’approvazione subito dopo – ma c’era solo un problema: Nesha aveva bisogno di un biglietto aereo per arrivare negli Usa. Trasportare un cane in un altro paese, in particolare dall’Afghanistan agli Stati Uniti, è molto costoso. Servivano 4mila dollari, per cui Brock Ditto ha lanciato una campagna di crowdfunding. I fondi raccolto in un primo momento sembravano pochi, ma quando la campagna è divenuta virale grazie al portale The Dodo, la cifra è stata presto raggiunta.

 

GM