Home News L’alimentazione dei conigli: quali sono gli alimenti da evitare

L’alimentazione dei conigli: quali sono gli alimenti da evitare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:34
CONDIVIDI

Qual è la giusta alimentazione dei conigli? E’ fondamentale conoscere i cibi consentiti e non per evitare malattie dei piccoli amici

Cosa mangiano i coniglietti (foto Pixabay)

Il sogno da bambini è avere un amico coniglietto con il quale poter correre felici in giardino. Per poterlo fare, è necessario che il piccolo animaletto peloso sia in salute e per questo l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale.

La prima cosa da tenere a mente è che l’alimentazione dei conigli è uguale per tutti indistintamente dalla razza: può trattarsi quindi ariete, american chincilla o nano, ma non cambierebbe nulla.

Cosa mangiano i conigli

alimentazione coniglio
L’alimentazione del coniglietto (foto Pixabay)

Il primo alimento che non deve mai mancare nell’alimentazione dei conigli è il fieno (a volontà) che può essere accostato a verdura in quantità ridotte. Non può mangiare solo mangime e qualora non fosse abituato a mangiare verdure, si possono integrare con cautela piccole quantità di queste per poter cambiare la sua alimentazione.

Attenzione però! Questa operazione va fatta in modo graduale poiché l’animale potrebbe avere dei problemi intestinali. Quali sono quindi gli alimenti corretti?

Potrebbe interessarti anche: La vicenda di Pancake: il coniglio ariete ritrovato nei pressi dell’ospedale di Legnano

Le verdure

le verdure per i conigli
Le verdure proibite per i conigli (foto Pixabay)

Come già accennato le verdure sono un alimento da inserire nell’alimentazione del coniglietto. Come per tutti, anche per loro non tutte le verdure sono ideali per una corretta alimentazione. Ci sono addirittura alimenti “pericolosi” per la salute dei conigli, ad esempio la patata.

Le patate contengono solanina, che può essere eliminata facendola bollire, ma rimane comunque un alimento con troppo amido e potrebbe causare disturbi nella digestione.

L’aglio provoca nel coniglietto disturbi allo stomaco, la cipolla diminuisce i globuli rossi causando nell’animale delle vertigini, i porri originano gas che il coniglio non è in grado di espellere, i funghi possono comportare la nascita di tumori, i piselli contengono troppi zuccheri che si ripercuotono sull’ intestino e reni e infine i fagioli, che sono un alimento indigesto per i conigli.

Potrebbe interessarti anche: La leggenda del coniglio che ci dimostra come sconfiggere la paura

La frutta

Frutta coniglietti
La frutta non consentita ai conigli (foto Pixabay)

Come per le verdure, anche se la frutta è sinonimo di dieta corretta, non tutti i frutti sono salutari. Il platano e la banana, ad esempio, seppur ricchi di Vitamina b1, sono anche ricchi di zuccheri difficilmente digeribili e inoltre, è necessario controllare che questi frutti siano abbastanza maturi.

Il crimoia è un frutto molto grasso e il suo consumo sarebbe meglio evitarlo; anche i fichi contengono troppi zuccheri che andrebbero evitati; l’albicocca, la nespola, la susina e la pesca sono pericolosi a causa della presenza del nocciolo che contiene cianuro. In ultimo l’avocado che contiene la persina, un composto tossico dannoso per i conigli.

Le piante

piante conigli
Le piante per i conigli (foto Pixabay)

In natura non si mangia solo frutta e verdura, anche le piante possono essere dei validi alimenti, oppure l’opposto essere dannosi. Gli amici coniglietti dovrebbero evitare di ingerire alcune piante per loro sconsigliate per problemi legati alla creazione di gas che non possono espellere e alla produzione di enterotossiemia, ovvero la penetrazione nel sangue di tossine intestinali.

Quali sono le piante sconsigliate? Molte e tra queste: oleandro, calla, quercia, tasso, tremolo, mughetto, veronica, vitalba, felce, edera, giglio, alloro, narciso, papavero. Iris, tulipano, lupino, giunco, campanula, stella di natale, belladonna, ligustro e rododendro. A questi si aggiungono legno di conifere (pino, ginepro…), degli agrumi (limone, cedro…)  e di drupacee (pesco, susino…).

Potrebbe interessarti anche:  Prendersi cura di un coniglio selvatico: una semplice guida completa

Carboidrati e latticini

Carboidrati e latticini
No carboidrati e latticini per conigli (foto Pixabay)

Se per noi uomini di mangiare la pasta non possiamo farne a meno, per i piccoli sarebbe meglio il contrario. I carboidrati sono dannosi per i conigli poiché molto difficile da digerire. Meglio evitare quindi: riso, biscotti, pane, noccioline, cereali con zucchero, fagioli, mais e avena.

Questo ovviamente significa che non sono adatti per loro: torte di ogni tipo, frutta sciroppata o qualsiasi specie di dolce. Possono provocare gravi conseguenze sull’organismo dei conigli. Sono sconsigliati anche i latticini come formaggio, burro e tutti derivati del latte.

I sintomi da avvelenamento

avvelenamento coniglio
Sintomi d’avvelenamento coniglietti (foto Pixabay)

Una volta scoperti i cibi da evitare per l’alimentazione dei conigli, rimane un’altra cosa importante da capire: se il coniglietto potrebbe aver mangiato qualcosa di sbagliato. Ci sono dei piccoli segnali da prendere in considerazione per capire che c’è qualcosa che non va se…

Qualora dovesse presentare uno di questi sintomi, è necessario rivolgersi l veterinario.

Isabella Bellitto