Home News Lo hanno trovato con una ferita sul muso provocata da un elastico

Lo hanno trovato con una ferita sul muso provocata da un elastico

CONDIVIDI

E’ stato notato da un passante mentre vagava per le strade a Pomona, in California con una ferita sul muso. Un buon samaritano ha recuperato l’esemplare, un incrocio con uno chow chow e si è messo in contatto con la Inland Valley Humane Society e la Società di protezione animali locale.

Il cane chiamato Caleb, un esemplare giovane di tre anni, presentava delle brutte ferite sul muso che in base agli accertamenti condotti dai veterinari erano riconducibili ad un elastico impiegato per tenere chiusa la bocca del cane. Secondo le indiscrezioni per provocare quel tipo di piaghe, il cane dovrebbe aver portato l’elastico per almeno una settimana.

La Humane Society ha preso in custodia il cane. Una rappresentante e veterinaria dell’organizzazione Cynthia Kinney ha spiegato che l’elastico ha bloccato la circolazione sanguina e provocato una ferita nella pelle: “Purtroppo ho visto questo tipo di ferite sulle gambe, le orecchio o le code dei cani, ma mai sul loro muso”, ha dichiarato la veterinaria che non riesce a spiegarsi il motivo, essendo un metodo piuttosto dannoso per l’animale. Infatti, sono stati necessari diversi punti per chiudere le ferite.

La Kinney si chiede se sia stato fatto per uno scherzo o per impedire all’animale di abbaiare. Mentre sono state avviate le indagini sul caso, l’organizzazione sta ora provvedendo a ristabilire le condizioni di salute di Caleb.

Essendo privo di microchip e senza un collare con una medaglia di riferimento, l’organizzazione ha lanciato un appello per trovare informazioni sul proprietario e capire cosa sia accaduto a Caleb e una volta sbloccato tutto l’iter burocratico il cane potrà essere dato in adozione.

Resta lo sconforto nel pensare al dolore e alla sofferenza che possa aver subito questo povero esemplare, immaginando il disorientamento e il terrore che ha vissuto. Un’altra vittima di maltrattamenti che documenta ancora una volta la cattiveria gratuita di cui è capace l’uomo.