Home News Lo sta per gettare nel fiume in una busta. Nessuno ha fatto...

Lo sta per gettare nel fiume in una busta. Nessuno ha fatto qualcosa per salvare il cucciolo

CONDIVIDI

Negli ultimi tempi si sono diffusi i cosiddetti “esperimenti sociali” ovvero un modo con il quale alcune persone documentano con delle telecamere nascoste la reazione degli individui ad una data situazione. Per quanto riguarda il regno animale, ci sono stati diversi esperimenti condotti anche da noti youtuber come Remi Gaillard oppure ultimamente da un giovane che ha fatto la domanda: “Sareste disposti a vendere il vostro cane a tre mila euro sapendo che sarà ucciso?“. A grande sorpresa, la reazione di una persona ha lasciato di stucco. Gli esperimenti sociali sono delle denunce con le quali si pone l’uomo allo specchio, mettendolo di fronte alle sue responsabilità etiche, sociali e morali. Lo scorso anno, un addestratore di Napoli condusse un esperimento in un parco pubblico della città partenopea, fingendo di abbandonare un cane legandolo ad un palo e filmando le reazioni dei passanti molti dei quali sono rimasti indifferenti.

Ed è forse proprio quello che ferisce di più: l’indifferenza delle persone alle ingiustizie, alla sofferenza e al dolore inflitto ad esseri innocenti. Si tratta di un comportamento più diffuso di quanto si possa pensare e alla rabbia naturale che dovrebbe scaturire in situazioni di un certo tipo, le persone reagiscono invece girando le spalle a richieste di aiuto. Nessuno gioca a fare l’eroe del giorno, ma neanche ad essere un UMANO.

E’ quanto emerge ancora una volta da un esperimento condotto a Londra, dove lungo la banchisa del Tamigi, un giovane finge di mettere un cucciolo in una busta di plastica e di lanciarlo nell’acqua. In totale, sono transitate ben 42 persone di un po’ tutte le età, più o meno giovani e quindi anche in piena forma fisica.

Il risultato è davvero sconfortante perché nessuno, neanche una sola persona ha cercato di difendere il cuccioli nella busta, anche se alcune persone si sono soffermate per osservare la scena, capendo quello che stava accadendo. Alla fine, a grande sorpresa, solo una donna, piuttosto in avanti con l’età, ha protestato.

Il video, pubblicato dal Dailymail e ripreso da diverse testate in diversi paesi, documenta quanto è accaduto e vi lascerà senza parole in quanto ci fa capire molte cose del perché nel mondo molti animali vengono vigliaccamente lasciati soli. Come recita “La canzone del Maggio” di Fabrizio de André: “… Anche se vi credete assolti siete per sempre coinvolti”.