Home News Lockdown da coronavirus: gli animali come Indiana Jones

Lockdown da coronavirus: gli animali come Indiana Jones

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:49
CONDIVIDI

Dato il lockdown da coronavirus, gli animali vanno all’avventura nella splendida città di Petra, approfittando dell’assenza dell’uomo.

Lockdown coronavirus animali Petra
Lockdown da coronavirus: gli animali si avventurano nella splendida Petra (Foto NPR)

Il sito di Petra, in Giordania, è stato chiuso a metà marzo per l’emergenza coronavirus. Il furto è così raro nell’area tribale che i venditori di souvenir hanno lasciato le loro merci fuori sui tavoli all’aperto e sugli scaffali aperti, dove vagano i gatti.

Qualche giorno fa, appena dopo l’alba, sei gatti si sono rannicchiati in cima a pile di fodere per cuscini e tappeti tessuti a mano di fronte all’iconico Ministero del Tesoro, la tomba colonnata alta 120 piedi presente in Indiana Jones e nell’ultima crociata .

Lockdown da coronavirus: gli animali si avventurano nella splendida Petra – FOTO 2

coronavirus animali Petra
Lockdown da coronavirus: gli animali esplorano la splendida Petra (Foto NPR)

I felini stanno vicini a un lavoratore egiziano addormentato, l’unico lavoratore visibile sul sito di 20 miglia quadrate. I gatti hanno tanta fame che questi carnivori combattono per divorare i muffin alla banana offerti loro.

I falchi volano in alto, ma per terra il sito è stato occupato dai passeri. Saltano lungo i sentieri di sabbia e ghiaia normalmente affollati dai piedi dei turisti.

Un cane bianco e marrone con le costole in mostra ci segue dappertutto nel sito, mangiando l’unica cosa rimasta da offrirgli – pane – e scodinzolando per un’ora intera” hanno dichiarato gli inviati di NPR. Più in basso sulla montagna, i beduini dicono che i lupi si stanno avventurando di nuovo fuori.

Petra è un sito patrimonio mondiale. Prima della pandemia, a volte i visitatori provenienti dalle navi da crociera erano più di quelli sostenibili dalla sua capacità giornaliera. Mentre la chiusura ha avuto ripercussioni economiche devastanti, ha allentato la pressione sull’antica città, afferma Suleiman Farajat, commissario turistico di Petra.

Ora il sito può respirare“, afferma. “È come … dice, ‘Sono felice di essere solo ora perché è stato consumato troppo.”

Potrebbe interessarti anche:

T. F.