Home News L’orrenda piaga cinese: asini uccisi in maniera brutale -VIDEO

L’orrenda piaga cinese: asini uccisi in maniera brutale -VIDEO

0
CONDIVIDI
Asini
(Screenshot Youtube)

Allarmante lo scenario documentato in Cina dalla PETA: decine di asini massacrati in maniera brutale, dopo essere stati tenuti in condizioni assurde. La pelle di asino ha una sostanza chiamata “ejiao” in cinese, utilizzata nella medicina tradizionale cinese per combattere  “vertigini, anemia e insonnia”. La campagna della Peta ha documentato come in ogni fattoria visitata le condizioni igieniche fossero fatiscenti. Tenuti all’aperto, sono stati solo parzialmente protetti dalle intemperie da un tetto di lamiera. L’unica acqua disponibile per loro era sporca e verde con alghe.

Un asino era così malnutrito che le sue costole sporgevano fuori. Un altro era così malato che non poteva camminare da solo. I lavoratori hanno confidato all’osservatore della PETA che erano preoccupati che gli ispettori ambientali li avrebbero multati o avrebbero chiuso l’impianto. In un mercato di asini, l’osservatore della PETA ha documentato che centinaia di animali condannati al macello sono stati costretti ad aspettare in recinti affollati. Dovevano attendere il loro turno di essere comprati e poi mandati in un mattatoio. Il tutto sotto il caldo sole estivo.

Gli asini terrorizzati vengono picchiati con bastoni, incluso uno che fu colpito quando tentò di fuggire attraverso un cancello che era stato lasciato aperto. Alla fine della loro vita, vengono uccisi in modo disumano. Le riprese video mostrano contadini che fanno oscillare un martello sulla fronte di un asino e poi tagliano la gola dell’animale. Alcuni degli asini continuano a respirare e si muovono dopo essere stati colpiti.

Un mercato fiorente

Oggi il mercato di ejiao sta crescendo rapidamente, si può trovare in bevande, caramelle e persino prodotti di bellezza. Gli asini vengono ora importati in Cina per essere macellati da altri paesi dell’Asia e da nazioni del Medio Oriente, dell’Africa e del Sud America. In precedenza, peraltro, vi avevamo descritto l’agghiacciante strage di asini che si verifica in Burkina Fao. Ci sarebbero interi allevamenti che vengono saccheggiati per recuperare gli asini, fondamentali per gli agricoltori locali, ma ricercatissimi in Asia, specialmente in Cina.

Mentre alcuni paesi, come il Pakistan e 10 nazioni africane, hanno chiuso macelli finanziati dai cinesi e sviluppato politiche per vietare l’esportazione di pelle d’asino, altri, come l’Australia, stanno vergognosamente considerando l’apertura di un commercio di esportazione di animali vivi. Molti vengono rubati o macellati illegalmente in modo che le persone possano trarre profitto dal mercato farmaceutico cinese. La domanda è così alta che altri animali, come cavalli, maiali e mucche, stanno subendo lo stesso raccapricciante destino. L’ejiao infatti viene anche contraffatto.

Secondo il Dr. Lee Yuming, “c’è un malinteso sull’ejiao. Non è la medicina più efficace per migliorare la circolazione del sangue nonostante la sua lunga storia nella medicina tradizionale. Al giorno d’oggi, ci sono molte altre opzioni che sono molto più efficaci nel migliorare la propria salute, compresi i farmaci moderni e le medicine a base di erbe”.

GUARDA VIDEO

GM