Home News Maccarese, le spiagge per cani aperte anche dopo il fine stagione

Maccarese, le spiagge per cani aperte anche dopo il fine stagione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:30
CONDIVIDI

A Maccarese, litorale laziale, le spiagge per i cani fanno un passo in più: rimarranno, per alcuni progetti, aperte anche dopo la stagione estiva.

spiagge libere maccarese
Un cane in acqua sulle spiagge italiane (Fonte Facebook)

Importante novità per Baubeach, la spiaggia per cani liberi e felici di Maccarese, litorale laziale, sponda romana. Le famiglie che hanno con sé un cane e che lo vorranno portare a correre con un po d’acqua sotto i piedi potranno farlo anche dopo la fine della stagione estiva. La spiaggia, infatti, ha ottenuto la possibilità di offrire il servizio di destagionalizzazione. Tutto questo vuol dire che nei week end di sole, dai mesi autunnali fino a primavera, sarà possibile andare al mare con il proprio cane e ricevere la giusta accoglienza.

Ricco di emozioni sarà anche il week end. Di fatto, sabato 19 settembre alle ore 12.00 ci verrà messa a disposizione una classe per l’educazione al corretto rapporto con il cane, rivolto ai neofiti. Un modo per dare quei strumenti necessari al fine di gestire la relazione col cane in modo davvero corretto. Domenica 20, invece, alle ore 11.00 ci sarò un briefing con gli allievi del corso. Si parlerà delle materie trattate. Dalla gestione dei cani alla libertà, all’organizzazione di un asilo modello per cani. Tutte attività molto interessanti per i nostri amici a quattro zampe e per i loro padroncini o le loro padroncine.

Ti potrebbe interessare anche: In vacanza con il cane: i luoghi dove andare in Italia, come comportarsi

Spiagge aperte: a Maccarese i cani sono un bene da tutelare a tutti i costi

Galateo in spiaggia con il cane
Anche in spiaggia con il cane, non dimentichiamo le buone maniere (Foto Flickr)

L’appuntamento a Maccarese non finisce di domenica mattina, ma prosegue nel pomeriggio. Esattamente alle ore 16.00. L’artista Karen Thomas condurrà un workshop che raduna allievi e docenti attorno al tema dall’appartenenza: alla cultura del rispetto biocentrico, alla cura e conservazione animale e ambientale, ma soprattutto dei diritti di chi non può parlare. E poi ancora: della bellezza e consapevolezza dell’enorme valore della natura. Dell’importanza di lasciare un segno per noi che siamo viandanti di questa terra e dovremmo rivolgerci con coraggio alle future generazioni per incoraggiarle a fare meglio.

Un progetto raccontato attraverso i colori, espressioni poetiche che raccontano storie con brevi e intensi momenti di meditazione. Il Totem dell’appartenenza, per sentirsi tutti uniti sotto lo stesso cielo.

Davide Garritano