Home News Maltrattamento cani: tre vivevano in totale stato di abbandono

Maltrattamento cani: tre vivevano in totale stato di abbandono

CONDIVIDI
maltrattamento cani
(foto RSPCA)

Maltrattamento di cani: in tre vivevano in totale stato di abbandono, sotto accusa finiscono padre e figlio per fatti terribili.

Un padre e un figlio crudeli sono stati condannati dopo che uno dei loro cani è stato trovato lamentarsi in agonia mentre veniva mangiato vivo dai vermi. Van Huynh, 52 anni, e suo figlio, Hai, 22 anni, sono stati messi al bando dal tenere gli animali per sempre. Otto gli episodi contestati e tre i cani che hanno subito maltrattamenti gravissimi. Un tribunale ha ascoltato un vicino che ha contattato la RSPCA lo scorso agosto dopo aver sentito un “lamento acuto” che proveniva dal giardino della loro casa a St Ann’s, Nottingham.

Per approfondire, leggi anche –>

Il processo a padre e figlio

Quando l’ispettore della RSPCA, Susan Hammond, arrivò a casa, scoprì che il piagnucolio proveniva da un cane giapponese Akita, di nome Skye, che era crollato per terra e coperto di vermi. Un pastore tedesco chiamato Gino, e un terzo cane, uno Shih Tzu chiamato Miko, sono stati scoperti all’interno della proprietà. Erano tutti in condizioni squallide. Immagini angoscianti mostrano le condizioni del giardino dell’abitazione. Tra queste, le foto di Skye coperte di sudici stracci e con una museruola. Davanti alla corte dei magistrati di Nottingham venerdì, padre e figlio sono stati condannati a 12 settimane di prigione, pena sospesa per 12 mesi.

Entrambi hanno ammesso di aver causato inutili sofferenze a Gino non riuscendo a fornire un trattamento veterinario per un tumore. Inoltre, hanno ammesso di aver causato sofferenze inutili a Skye non fornendo cure veterinarie. Si sono anche dichiarati colpevoli di non aver soddisfatto i bisogni di Gino e Skye non fornendo loro un ambiente adatto. La corte ha inoltre appreso che Hai si prendeva cura dei cani mentre suo padre era assente.

Le parole dell’ispettore RSPCA

L’Ispettore Hammond della RSPCA ha dichiarato: “Skye era in condizioni talmente cattive ed era collassato, non era in grado di reggere affatto. Dal suo pianto acuto era evidente che stava soffrendo molto. Aveva ferite aperte sul suo corpo coperte di vermi: la sua pelle stava marcendo e lei veniva mangiata viva”.

Quindi ha aggiunto: “Io e il veterinario che mi hanno accompagnato durante la visita a casa sono stati davvero rattristati dallo stato di Skye, la cagnetta è stata addormentata per motivi umani”. Gino e Miko furono portati da un veterinario, dove furono anche sottoposti a eutanasia. L’ispettore Hammond ha aggiunto: “Questo è un caso molto triste che è stato il risultato di un lungo periodo di abbandono”. Poi ha concluso: “Questi poveri cani sono stati trascurati forse per mesi. Semplicemente non è accettabile trattare animali in questo modo”.

GM