Home News Mangia un opuscolo pubblicitario e resta con la mascella incollata

Mangia un opuscolo pubblicitario e resta con la mascella incollata

CONDIVIDI

Il Jack Russell è una razza piuttosto vivace che “una ne pensa, cento ne combina”, come recita il proverbio. Di certo con un cane di questa razza non ci si annoia mai e soprattutto se si vuole sperimentare l’assurdo, gli imprevisti e l’imprevedibile, il jack russell è la razza ideale.

Ce lo dimostra un simpatico esemplare di nome Finlay che, a Devizes nel Wiltshire, in Inghilterra è stato protagonista di una brutta avventura dopo aver ingerito un opuscolo pubblicitario, lasciato nella cassetta delle lettere.

In pratica, quando i proprietari si sono accorti della strana reazione del cane che da un momento all’altro non riusciva più ad aprire la bocca, trovando i pezzi dell’opuscolo sparsi per il corridoio, hanno immediatamente, chiamato il veterinario.

Il cane è stato portato d’urgenza alla clinica Estcourt Vets e subito operato per rimuovere la colla che si era formata tra i denti dopo che aveva mangiato il volantino.

Secondo quanti ricostruito dai veterinari, come riporta il Daily Mail, le sostanze utilizzate per il rivestimento lucido dell’opuscolo avrebbero reagito con la saliva del cane, creando una sorta di colla che aveva letteralmente saldato i denti dell’animale, in pochi secondi.

Per rimuovere la colla, Finlay è stato sottoposto ad un intervento chirurgico sotto anestesia, durato ben 45 minuti.

Scott Carpenter, il veterinario che ha operato Finlay, ha dichiarato che si è trattato di un’emergenza davvero insolita: “Niente di simile era mai accaduto prima nella nostra clinica. Quando i suoi proprietari ci hanno chiamati, spiegando che non riusciva più ad aprire la bocca, pensavamo ad una ferita provocata da una bastone, ma non ad una cosa simile. Quando lo abbiamo portato all’interno e ha detto che non riusciva ad aprire la bocca, ci aspettavamo che fosse una ferita da un bastone, non qualcosa di simile”.

Quando il cane è stato portato in sala operatoria, i veterinari hanno subito individuato il problema, vedendo il collante che aveva saldato ben quattro denti insieme, due della parte superiore e due di quella inferiore, quasi cementando la mascella.

Lo staff della clinica ha poi diramato un appello sulla propria pagina facebook, invitando gli utenti a condividerlo per far conoscere la storia di Finlay e a fare attenzione agli esemplari inclini a rubare gli opuscoli pubblicitari.

Difficilmente il simpatico Finlay dovrebbe aver imparato la lezione e gli stessi veterinari si sono raccomandati anche con i suoi padroni affinché acquistino una cassetta della posta che non sia a portata di questo simpatico e vivace esemplare, appassionato di volantini.

Ecco il post: