Home News Messico: sgominato traffico illegale 15 mila tartarughe pronte per la Cina

Messico: sgominato traffico illegale 15 mila tartarughe pronte per la Cina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:15
CONDIVIDI

Sgominato un traffico illegale, 158 casse di animali selvatici destinati ai mercati Cinesi, sono oltre 15 mila gli animali sequestrati.

le tartarughe
Traffico tartarughe(Foto Pixabay)

Le autorità di città del Messico hanno sequestrato una spedizione di 158 casse di legno contenenti 15.000 esemplari di razze diverse di tartarughe tra cui molte in via di estinzione.

Gli animali erano stati stipati in queste casse  di legno senza cibo ne acqua pronte ad affrontare un viaggio lunghissimo verso la Cina dove sarebbero state poi vendute ai Wet Market.

Traffico illegale di tartarughe

Traffico tartarughe
Sgominato traffico illegale di tartarughe oltre 15000 esemplari diretti in Cina

L’ufficio del procuratore per l’ambiente ha dichiarato che le casse sono state trovate in una struttura di trasporto alla periferia di Città del Messico e che a causa della scarsissima documentazione non è ancora stato possibile risalire al colpevole della tremenda spedizione.

Appena aperte alcune delle casse di legno  gli agenti si sono immediatamente resi conto di quanto la situazione fosse disperata e hanno immediatamente contattato alcuni medici veterinari che sono accorsi sul luogo.

Il bilancio è drammatico, 260 esemplari hanno perso la vita e il restante sono in condizioni precarie disidratate e affamate.

All’interno delle casse sono state rinvenute molte razze diverse comprese tartarughe di fango dalle labbra bianche, le tartarughe di muschio a ponte stretto, le tartarughe di muschio giganti messicane e molti esemplari di tartarughe dalle orecchie rosse.

L’ufficio del procuratore ha fatto sapere che le tartarughe non erano adeguatamente contrassegnate, e nei pochi documenti della spedizione non vi erano i canoni che rispecchiano accuratamente le specie di tartarughe coinvolte.

Molte associazioni animaliste hanno richiesto insistentemente la chiusura di quelli che sono i veri e propri mercati dell’orrore e molti studiosi hanno affermato che se gli animali continueranno ad essere stipati in gabbie arrugginite ammassati e pieni di sporcizia, in pessime condizioni di salute e igieniche il covid-19 non sarà l’unica pandemia che il mondo si troverà ad affrontare.

Secondo molti infatti il commercio di fauna selvatica è implicato nella trasmissione di minacce come il nuovo coronavirus agli esseri umani e se si continuerà a comportarsi in questo modo orribile nei confronti degli animali negli anni avvenire le epidemie saranno molteplici.

Dopo aver svolto le analisi sulle povere malcapitate le tartarughe sono state trasferite a Los Reyes dove, in una struttura dedicata dove sono state accudite e idratate.

Potrebbe interessarti anche: