Home News Angeli dei 4 Zampe Moose, il cane senza una parte del cervello diventato una celebrità

Moose, il cane senza una parte del cervello diventato una celebrità

CONDIVIDI

Cane nato senza una parte del cervello

cane stupido
Moose Boy @mooseboy16

Moose è un simpatico Australian Cattle che la padrona, Jennifer Osborne, di 26 anni, vide quando era solo un cucciolo in un negozio di animali, nel lontano 2016.

La giovane donna decise di prenderlo per timore che fosse abbattuto o abbandonato. Era un cucciolo dall’aspetto un po’ buffo e questo lo penalizzava.

Quando Moose ebbe circa sei mesi, ci furono delle complicazioni per la sua salute.

Dalle diagnosi dei veterinari, è stato accertato che Moose ha una brutta malformazione.

“Sappiamo che il naso di Moose fa pressione nel cranio. Sia il setto nasale che la mascella sono deformati e hanno di conseguenza portato ad una deformazione del cranio e del cervello con problemi alla vista”. Racconta la padrona.

Una malformazione che secondo quanto sostenuto dai veterinari è avvenuta nell’utero materno.

 

Tuttavia, il dolce Moose ha un aspetto adorabile. Uno strabismo e una malformazione oculare che provoca lacrimazioni dalla palpebra. Nel 2018, il cane ebbe una grave crisi allergica con convulsioni durante una passeggiata.

La padrona ricorda che a seguito della crisi venne effettuata una risonanza magnetica con la quale i veterinari hanno scoperto che Moose non aveva la fronte, i seni nasali e che vi erano alcune parti mancanti nel suo cervello, in particolare la parte che lo aiuta a sentire l’odore. Inoltre, i veterinari hanno individuato una ciste nel suo cervello proprio nel punto in cui si trova la deformità.

Sarebbe proprio la parte della fronte schiacciata a provocare le convulsioni. Secondo i veterinari, questa condizione peggiorerà nel tempo. Per questo Moose dovrà seguire un trattamento per tutta la vita, in modo da evitare le convulsioni. In ogni caso, questo aspetto non dovrebbe influire sulla durata della sua vita.

L’aspetto di Moose ha conquistato migliaia di persone. Grazie alla notorietà di Moose sui social, la padrona sta riuscendo a sostenere le spese veterinarie e farmaceutiche costose. Infatti, Jennifer per poter prendersi cura al meglio di Moose ha avviato un brand, riuscendo a guadagnare circa 2mila dollari all’anno grazie ai quali ha provveduto alle spese per Moose.

“Lui è È fantastico e una benedizione per la mia vita. È il cane più felice che abbia mai incontrato e sono felice che sia il mio cane”, ha dichiarato Jennifer al metro.co.uk.

Questa condizione non influisce sull’intelligenza del cane. Infatti, Moose è intelligente, socievole e giocherellone.

“Sa di essere una creatura speciale. Con tutto quello che è successo a Moose, siamo fortunati che sia sopravvissuto. È un miracolo”, conclude Jennifer.

Segui le avventure di Moose sul suo profilo Instagram mooseboy16

Ti potrebbe interessare–> Cane con ritardo mentale: depressione, cretinismo o sindrome di down

C.D.

Amoreaquattrozampeè stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI