Home News Morsa da un ragno, per una 29enne comincia un incubo terribile

Morsa da un ragno, per una 29enne comincia un incubo terribile

CONDIVIDI

E’ decisamente scioccante quanto successo ad una donna, che ora lotta tra la vita e la morte. Il tutto per colpa del morso di un ragno. La vittima si chiama Claressa Coleman, ha 29 anni e da quanto emerso, lo scorso 26 giugno aveva accusato una leggera puntura di insetto mentre dormiva accanto al marito nella loro casa i Arkansas, negli Stati Uniti. Sulle prime non sembrava nulla di preoccupante, nonostante al mattino fosse ben visibile un segno tra la spalla ed il braccio destro. Claressa si era recata normalmente al lavoro, ma appena giunta in ufficio aveva accusato dei sintomi di malessere evidenti. Dolori addominali, nausea e vomito. Il capo l’aveva rimandata a casa, ma durante il viaggio di ritorno i conati erano aumentati esponenzialmente. E tutto a causa di quella puntura di ragno. Si è trattato di un insetto particolarmente velenoso, il ragno eremita marrone, che nonostante le piccole dimensioni, è capace di rilasciare una sostanza nociva dalla quale sorgono poi ulcere e necrosi attorno alla zona del suo morso. Non è comunque una specie aggressiva e può essere letale solamente in una percentuale circoscritta.

Rischiare la vita per colpa di un ragno: è ciò che stava succedendo a Claressa.

Tornando a Claressa, sulle prime la ragazza non aveva collegato il suo stato di malessere al segno presente sul suo corpo. La situazione è presto peggiorata ed intanto la ferita si era estesa sempre di più, ledendo l’efficace funzionamento degli organi vitali. Si è presto reso necessario intervenire d’urgenza per limitare le disfunzioni cardiache e renali emerse. Per fortuna dopo circa tre settimane tutto è cominciato a volgere per il meglio, e Claressa è stata dimessa. Anche se l’episodio le ha generato una più che comprensibile paura dei ragni. Soltanto una massiccia terapia però è stato in grado di salvarla. Il ragno che ha punto la ragazza è molto diffuso nel bacino del Mediterraneo, ma la sua presenza è diventata più frequente a causa dell’insorgere dei cambiamenti climatici. E’ facile ormai imbattersi in un ragno eremita anche d’inverno. E questo grazie alle temperature che stanno diventando più miti anche nella stagione fredda. L’habitat prediletto di questo aracnide in Italia era rappresentato dalle zone costiere. Adesso però lo si può incontrare anche nelle zone del Nord Italia. Ma ci sono specie di ragno per più paurose, e capaci di inghiottire un intero serpente.