Home News Angeli dei 4 Zampe Muore per salvare la vita al suo cane: due destini uniti fino...

Muore per salvare la vita al suo cane: due destini uniti fino alla fine

CONDIVIDI

La triste storia di Jennifer Counterman, detta Jenny, è il dramma di molte persone che pur di soccorrere il proprio animale hanno rischiato o messo il pericolo la loro vita. Persone che non indietreggiano di fronte a nulla pur di aiutare i loro compagni oppure in alcuni casi, disposti a fare un incidente per evitarli in mezzo alla carreggiata. Situazione ricorrenti che ci portano a pensare quanto sia nobile l’animo umano e alla straordinaria sensibilità di molte persone che con i loro gesti contribuiscono a farci sperare in un mondo migliore. Purtroppo non tutti la pensano allo stesso modo.

Ma per Jenny, il suo cane, un labrador di nome Dakota, era tutto e quando lo hanno investito, si è buttata sulla strada per salvarlo. A quel punto, la donna di quaranta cinque anni è stata centrata a sua volta da un altro mezzo che non si è fermato a prestare soccorso.

Il conducente di un altro veicolo si è fermato, chiamando le forze dell’ordine e provvedendo a recuperare il cane per metterlo in sicurezza, morto poco dopo in clinica veterinaria. I figli di Jenny hanno ricordato come a volte sembrava che la loro madre amasse più Dakota di loro: “Dakota faceva tutto ciò che voleva, probabilmente mangiava cose più buone di te e me: uova per colazione tutte le mattine; ha girato il mondo più lui che molte altre persone”, ricorda Tim Counterman, aggiungendo “era mia mamma, la mia energia, il mio eroe, il mio superman”.

La donna dopo aver cambiato lavoro aveva più tempo a disposizione e passava le sue giornate con Dakota. Il marito e i figli della vittima con le lacrime agli occhi hanno raccontato come “Dakota abbia portato la gioia nella loro famiglia”.

Una gioia spezzata da una tragica fatalità e per questo, quella creatura per la quale Jenny ha sacrificato la sua vita, resterà vicino alla famiglia e sarà sepolta nel punto in cui ama stare in giardino.