Home News Negati tutti i diritti a Happy l’elefante più solitario dello zoo

Negati tutti i diritti a Happy l’elefante più solitario dello zoo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:40
CONDIVIDI

Happy è una femmina di elefante asiatico a cui è stato negato il diritto di poter concludere la propria vita in libertà circondata dai propri simili in un santuario dopo anni di reclusione solitudine e sofferenza nello zoo .

Happy l'elefante
Happy l’elefante a cui è stata negata le libertà

Nata allo stato brado nel 1971. Catturata da cucciola , probabilmente in Thailandia, nei primi anni ’70, insieme ad altri sei altri piccoli , forse dello stesso branco è stata importata negli Stati Uniti e venduta per 800 dollari al Lion Country Safari, in California, dove si è deciso di chiamare i 7 elefantini come i 7 nani di Biancaneve

Sfortunatamente nello stesso anno, Sleepy, uno dei 7 elefantini è morto e la società ha trasferito Happy , Grumpy , Sneezy , Doc , Dopey e Bashful al The Country Country Safari, in Florida.

Negata la libertà a  Happy l’elefante

happy l'elefante
La protesta per i diritto di Happy

Così è iniziata l’odissea del piccolo Elefante che è rimasto prigioniero dello zoo in cui e rinchiuso tutt’oggi dove da qualche tempo è rimasto completamente solo. E infatti considerato l’animale più solitario dello zoo del bronx.

Nel 2005, Happy è diventato il primo elefante a “superare” il test di auto-riconoscimento dello specchio , considerato un indicatore di autocoscienza.
Ultimamente moltissimi dei sostenitori dei diritti degli animali si erano battuti per lei per far si che finalmente potesse essere trasferita in un santuario, sfortunatamente la battaglia non ha avuto l’effetto desiderato.

Il giudice Alison Tuitt ha respinto la petizione del Nonhuman Rights Project sostenendo che l’elefante è felicemente imprigionato nello zoo dove vive dal 1977. Happy È stata tenuta separata dagli altri elefanti per più di un decennio.

Il tribunale di New York che aveva precedentemente affermato che gli animali non sono legalmente considerati persone, e non hanno quindi gli stessi diritti , ragione per cui il giudice Tuitt ha dovuto applicare la sentenza a Happy.

Questo tribunale concorda sul fatto che Happy non è solo una cosa legale o proprietà. È un essere intelligente e autonomo che dovrebbe essere trattato con rispetto e dignità e che potrebbe avere diritto alla libertà ” sfortunatamente però la legge non è dalla parte degli animali in questo caso e  l’elefante dovrà restare nello zoo dove il direttore dello zoo Jim Breheny si è detto soddisfatto della sentenza che ha lasciato il pachiderma in un luogo dove riceve “cure eccellenti”.

La libertà di Happy conta tanto per lei quanto la nostra per noi, e non smetteremo di combattere dentro e fuori dal tribunale fino a quando non lo avrà“, Kevin Schneider il direttore esecutivo del gruppo di attivisti  in una nota ha espresso tutto il suo risentimento e affermato che continueranno a combattere per la libertà dell’animale che ha soli 49 anni.

Le proteste infatti continuano e molti manifestanti si sono riuniti presentando dei cartelloni che raffigurano l’animale in gabbia usando lo slogan Happy is NOT happy.

L.L.

potrebbe interessarti anche—>

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI