Home News Non si allontana mai dalla bara del padroncino e vuole salutarlo per...

Non si allontana mai dalla bara del padroncino e vuole salutarlo per l’ultima volta: immagini dilanianti

CONDIVIDI
contenuto 100% originale
@Facebook

Una storia triste quella della morte di un giovane ragazzo di 22 anni, Atio Castillo, deceduto per un infarto provocato dalle ferite e percosse ricevute dai una banda di coetanei. Atio è una vittima di bullismo e morire a quella età per un motivo del genere non ha ragione di esistere e non può essere consentito in alcuno modo. Eppure, in ogni angolo del mondo prevale la prepotenza di chi si crede più forte o più furbo. Le vittime, come sempre, sono esseri innocenti che hanno una sensibilità diversa e che spesso passa in secondo piano in un sistema competitivo come quello impostato dalla società odierna.

Atio di sicuro aveva un grande cuore e lo dimostra il fatto che aveva tanti amici, ma soprattutto un grande amico di vita che lo amava al di sopra di ogni cosa: Lega, una dolce golden retriever che ha dimostrato ancora una volta al mondo intero quali siano i sentimenti veri.

Durante il funerale che si è svolto presso il santuario di Sant Antonio Parish a Makati, nella provincia di Manila nelle Filippine, la dolce compagna di vita è rimasta tutto il tempo vicino alla bara del suo padroncino.  Immagini commuoventi e dolorose: Lega non si è mai allontanata da quel punto nonostante la folla di parenti e amici. E’ voluta restare accanto ad Atio, per dirgli addio per l’ultima volta. Ma quello che ha commosso i parenti è il comportamento di Lega che la sera prima, durante la veglia, Lega si è alzata sui posteriori e appoggiandosi sulla bara, ha voluto vedere il suo amico per salutarlo.

Quell’amore che in pochi conoscono e sanno esprimere

“Mio caro Atio, manchi così tanto a Lega che ha voluto a tutti i costi darti delle leccatine e non capisce perché non ti muovi più per lei. Piange di notte. Va spesso nella tua camere e non ha ancora realizzato che non tornerai mai più in quella stanza. Ma sente che c’è qualcosa di strano”, ha scritto lo zio del giovane ragazzo, commentando la straziante fotografia di Lega che si appoggia sulla bara, condividendola su Facebook.

Nel messaggio, lo zio promette di rendere giustizia al nipote: “Prometto che ti farò giustizia, ma la cosa più triste e che tu non potrai più avere quel bel futuro che ti aspettava. Ti amo Atio e anche Lega. Saluta tuo nonno e digli che mi manca terribilmente. Non ci sono parole per descrivere questo sentimento di dolore. Ti saluto fino a quando non c’incontreremo di nuovo”.

C.D.