Home News Le nonne orche vivono a lungo: il motivo è racchiuso all’interno della...

Le nonne orche vivono a lungo: il motivo è racchiuso all’interno della “famiglia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:22
CONDIVIDI

Le nonne orche hanno un periodo di vita molto lungo: il motivo di questa longevità è stato scovato all’interno della “famiglia”.

orche nonne
Gruppo di orche (Fonte Facebook)

La famiglia è una cosa seria. E di questi tempi, ripeterlo, non è mai un fatto banale. Non tanto serie per le tradizioni o i valori tramandati, che sappiamo (anche in modo velato) essere solo la “giovinezza rimpianta” delle persone più grandi di noi. La famiglia è importante per l’esempio che uno dà lasciando poi libero l’altro di camminare con le proprie gambe senza ostacolare nulla in presenza di dogmi o altri “misteri”. Ma non è soltanto questo.

Se una famiglia è sana allora sarà sano anche il senso di appartenenza a essa. Ma anche in questo caso senza troppi attaccamento o il voler sopraffare l’uno sull’altro. Il nucleo familiare, però, non è soltanto importante nel mondo dell’essere umano, anzi, alcune volte è molto più forte in quello del “regno animale”. È cosa buona giusta ricordarlo sempre, perché essere muniti di istinto e non di ragione, non equivale però a dire di non essere munti di sentimento e amore, cose ben diverse, che molto spesso poco c’entrano con la ragione. E sicuramente nella “scala familiare” un posto più che importante viene occupato dai nonni e dalle nonne.

Quest’oggi parliamo proprio delle nonne, nel mondo animale. Le nonne orche. Quest’ultime, secondi alcuni intensi e accurati studi, vivono molto a lungo. E il mistero è stato svelato: sono così longeve per accudire qualcuno della “famiglia”. Qualcuno di veramente prezioso che non può essere lasciato allo sbando, ma deve essere educato nel miglior modo possibile.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO: Tahlequah, la famosa orca dal cuore buono ha partorito di nuovo

Nonne orche: il segreto della loro longevità è nell’accudimento dei loro nipoti

orche
Due orche giocano nell’acqua (Foto Pixabay)

Proprio oggi vogliamo sottolineare la longevità delle nonne orche, perché oggi è un gran giorno. Di fatto, il 1 ottobre di ogni anno si festeggia la giornata internazionale delle persone anziane. Per dovere di cronaca dobbiamo dire che non tutte le persone anziane sono nonni o nonne, evidenziano e dando “parola” anche a quelle minoranze che, anche giustamente, invecchiano senza nipotini intorno. Dall’altra parte, però, tante persone che raggiungo la famosa “terza età” hanno l’occasione di essere contornate da piccoli marmocchi che giocano felici. Di anziane, però, ci sono anche le orche che possono vivere fino a 90 anni.

Questo constata il fatto che le orche che hanno raggiunto una certa età possono assicurare un miglior sviluppo del nuovo nascituro. Se la vita di un maschio d’orca si aggira intorno ai trent’anni, le femmine sono fertili fino ai trentacinque o anche quarant’anni, arrivando, però, a sfiorare i novant’anni di vita. Il triplo rispetto ai maschi. Sono una delle quattro specie al mondo, insieme all’essere umano, narvalo, beluga e globicefalo di Gray ad andare in menopausa. Per questo motivo, da molto tempo, vengono effettuati degli studi sul loro comportamento.

E il recente studio, pubblicato da PNAS è basato proprio su due popolazioni di orche residenti al largo della costa canadese e statunitense dell’oceano Pacifico nord-occidentale. Dalla ricerca si è evidenziato un fattore molto importante: ben 378 nipoti di orche vivevano più a lungo perché accompagnati dalla presenza della loro nonna. Gli esperti hanno parlato chiaro, senza alcun dubbio: “La morte di una nonna può avere un impatto devastante per il gruppo di orche. Per questo è bene monitorare ancora a lungo e fare degli studi approfonditi su questo aspetto che, nell’arco del tempo, potrebbe regolare il futuro di queste popolazioni”.

Oggi scopriamo, al di là della vita dell’orca in sé, un altro aspetto importante: il valore delle nonne in questa specie. Proprio oggi che, ricordiamo, è il 1 ottobre 2020: giornata internazionale delle persone anziane.

Davide Garritano