Home News Nuovo tessuto sostituirà la pelle mettendo fine allo sfruttamento di animali

Nuovo tessuto sostituirà la pelle mettendo fine allo sfruttamento di animali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:35
CONDIVIDI

Nuovo tessuto innovativo sostituirà la pelle di animale che provoca la sofferenza di creature viventi con una sostanza vegetale  estratta dai funghi.

Reishi
Reishi (Foto Pixabay)

Da qualche tempo molti stilisti e molte case di moda si sono schierate in favore degli animali e hanno deciso di smettere di realizzare e produrre capi d’abbigliamento di origine animale.  A seguito di questa decisione è  stato infatti scoperto  un materiale rivoluzionario simile alla pelle che però può essere realizzato non facendo male a nessuna creatura del regno animale.

Potrebbe interessarti anche :Stop agli allevamenti di pellicce: l;appello del;associazione Peta a Conte

Il Reishi la Pelle vegetale

Reishi
Reishi (Foto Pixabay)

Il materiale alternativo per realizzare i nuovi capi d’abbigliamento si chiama Reishi, con questo materiale potranno essere realizzati accessori in “pelle” e anche veri e propri indumenti.

Il materiale è stato definito rivoluzionario dato che è molto simile alla pelle ma non reca sofferenza agli animali, infatti il materiale è realizzato grazie ai funghi.

Questo materiale  alternativo è stato realizzato con la consapevolezza di non voler più maltrattare e sfruttare gli animali per realizzare l’abbigliamento, nonostante infatti in molti tra gli stilisti più famosi si siano rifiutati di utilizzare per le loro collezioni i materiali come pelle e pellicce, tali prodotti sono ancora molto richiesti sul mercato.

A quanto sembra infatti non tutti hanno abbracciato la filosofia “ecosostenibile” e le richieste di accessori di capi d’abbigliamento in pelle sono ancora tantissime. Motivo per cui è stato realizzato il Reishi un nuovissimo materiale innovativo e vegetale simile alla pelle che non comprende lo sfruttamento di animali, i tessuti infatti sono realizzati estraendo il micelio dei funghi.

A quanto sembra quella che è la parte vegetativa del fungo esposta a una determinata temperature e umidità, trattata, si trasforma in una sorta di materiale plastico, e molti laboratori stanno realizzando dei tessuti di simil-pelle.

Il Reishi è un materiale meno inquinante più resistenze e biodegradabile molto simile alla pelle che può essere utilizzato per realizzare qualsiasi accessorio e per qualsiasi capo d’abbigliamento.

Attualmente in Italia esiste una sola azienda produttrice di questo materiale e esistono anche alternative più diffuse come  l‘eco-pelle, o la realizzazione con la stampante 3D con la coltivazione in laboratorio, o una sorta di pelle estratta da alcuni frutti e da scarti alimentari.

L.L.