Home News Oasi di Simeto: maltrattati più di 50 animali tra cui anche specie...

Oasi di Simeto: maltrattati più di 50 animali tra cui anche specie protette

Orrori nell’Oasi di Simeto: venivano maltrattati numerosi animali, fino alla morte di un cagnolino, e praticata anche la pesca di frodo.

oasi simeone specie protette
Tartaruga Foto Wikipedia

Nell‘oasi di Simeto, dove gli animali dovrebbero essere tutelati, la Polizia di Catania ha invece scoperto grazie a dei controlli dei maltrattamenti sugli animali. 5 Cavalli, 13 cardellini, un mini pony, diverse tartarughe e oltre 40 cani sono stati sequestrati in diverse occasioni a causa delle loro condizioni. Altri animali sono stati sequestrati e reimmessi nel loro ambiente naturale. Anche delle attrezzature per catturare animali protetti sono state sequestrate.

In questo luogo il guardiano e la moglie avevano una cucciolata di cani e il loro trattamento verso questi animali ha causato la morte di uno di essi. La carcassa del cucciolo non è stata nemmeno rimossa. Sempre grazie alla polizia è stato possibile salvare dei cani e un cavallo malnutrito in una zona che era stata messa sotto sequestro per un altro reato, quello di gestione illegale dei rifiuti speciali. Vi abbiamo raccontato di un caso simile in cui il maltrattamento di animali in un rifugio ha portato alla condanna penale per la responsabile.

Oasi di Simeto: tra gli animali maltrattati anche tartarughe appartenenti a specie protette

Tartaruga di terra
Tartaruga di terra

Un’altra piaga, contro la quale Amore a quattro zampe si batte, è la detenzione di specie protetta: sono stati trovati e visitati ben 13 cardellini e 2 tartarughe di una specie protetta.

Sempre vicino al Simeto è stato arrestato un cinese che pescava granchi con delle attrezzature, che sono state poi sequestrate. Nell’oasi sono state anche sequestrate delle imbarcazioni per la pesca, praticata da uomini che esercitavano la pesca proprio come una seconda professione e percepivano inoltre anche dei sostegni statali INPS. Infine, un uomo usava il mini pony come giocattolo per il figlio.

Pesca di frodo, detenzione di animali protetti, maltrattamento degli animali, truffa all’INPS: una storia questa talmente piena di orrori e di malcostume che speriamo di non sentire mai più.

Potrebbero interessarti anche >>> 

T.F.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI