Home Gatti Obesità del gatto: una vera e propria epidemia

Obesità del gatto: una vera e propria epidemia

CONDIVIDI

L’obesità del gatto, un pericolo per la salute dei felini domestici

obesità gatto
Gatto obeso

Da diversi anni viene richiamata l’attenzione ai gatti obesi. L’obesità è una condizione fisica del gatto con conseguenze anche gravi sulla sua salute. A ribadirlo, uno studio condotto dai ricercatori dell’Ontario Veterinary College, pubblicato sulJournal of American Veterinary Medical Association, nel quale si registra un aumento senza precedenti di obesità nei gatti tra Stati Uniti e Canada.

Non solo i cittadini sono obesi, ma anche i loro felini domestici.

Dallo studio, è emerso che il peso medio di una femmina sterilizzata è aumentato del 24% tra il 1995 e il 2005, mentre nei maschi si è registrato un +19% circa.

Un fenomeno ad oggi passato inosservato fino ad oggi, in quanto secondo i ricercatori, i gatti vengono visitati dal veterinario meno spesso dei cani.

“Come esseri umani sappiamo che dobbiamo sforzarci di mantenere un peso sano, ma per i gatti non c’è stata una chiara definizione di questo elemento, semplicemente non avevamo i dati”, ha dichiarato al ‘Telegraph’ la ricercatrice Theresa Bernardo.

L’obesità del gatto è preoccupante negli esemplari adulti, di mezza età in quanto può portare a malattie come il diabete, cardiopatie, artrosi e cancro.

Gatti obesi

come pesare un gatto
 (Foto iStock)

Sono stati studiate 45 milioni di misurazioni del peso relative a 19 milioni di gatti, prese da veterinari negli Stati Uniti e in Canada.

E’ emerso che i gatti maschi tendevano a pesare più delle femmine e che quelli sterilizzati o castrati tendevano a essere più grossi degli altri.

Inoltre, il peso aumenterebbe in modo costante fino agli otto anni. In dieci anni, i gatti sterilizzati sono diventati più pesanti.

“I gatti tendono a essere trascurati perché nascondono i loro problemi di salute e non vengono portati dal veterinario con la stessa frequenza dei cani, quindi uno dei nostri obiettivi è capire se ci sono interventi che possono assicurare ai gatti più anni di vita sana”, ha spiegato Bernardo.

I ricercatori hanno così invitato i proprietari dei gatti a ricorrere ai “dispensatori di cibo”, in modo da razionare l’alimentazione quotidiana e a contenere l’obesità.

Inoltre, laddove il gatto tende ad ingrassare o al contrario a dimagrire troppo, potrebbe essere il segnale di un problema di salute non trascurabile.

 

Ti potrebbe interessare–> Come mettere a dieta un gatto obeso…
Il diabete nel gatto: come prevenirlo