Home News Paul McCartney: nuovo video musicale in difesa degli animali

Paul McCartney: nuovo video musicale in difesa degli animali

CONDIVIDI

Paul McCartney ha rilasciato insieme a PETA un nuovo video musicale in difesa degli animali usati come cavie da laboratorio.

paul mccartney
(Spencer Platt/Getty Images)

Paul McCartney ha collaborato con PETA in un nuovo video musicale per la sua canzone di protesta del 1993 “Looking For Changes“. Il leggendario membro dei Beatles, 77 anni, è un noto attivista per i diritti degli animali e ha collaborato con l’organizzazione People for the Ethical Treatment of Animals (PETA) per creare un nuovo video musicale per accompagnare la sua canzone di protesta sui diritti degli animali, che è stata rilasciata per la prima volta nel 1993 .

In una dichiarazione, Paul ha detto: “Sono alla ricerca di cambiamenti per ottenere che gli animali escano dai laboratori. Gli esperimenti sugli animali sono immorali – sono un colossale fallimento e uno spreco di tempo e denaro. Possiamo e dobbiamo fare di meglio”.

Il video musicale – che è interamente animato – mostra scenari in cui gli operai del laboratorio vengono ingannati dagli animali su cui stanno per fare esperimenti. Un Paul in versione animata e i suoi amici a quattro zampe si dirigono poi a Capitol Hill, la sede del Governo centrale degli Stati Uniti (PETA è un’associazione nata negli USA), per chiedere “cambiamenti sul modo in cui trattiamo i nostri simili”.

Il video è stato caricato sul canale YouTube di PETA UK con il titolo “Paul McCartney – Looking for Changes” (continua dopo il video).

Paul McCartney: nuovo video musicale in difesa degli animali (VIDEO)

La descrizione del video recita: “La leggenda dei Beatles Paul McCartney ha appena realizzato un nuovo video musicale – un video animato da PETA per la sua canzone di protesta e inno anti-vivisezione “Looking for Changes”.

La collaborazione di Paul con PETA fa parte della missione dell’organizzazione di porre fine ai test sugli animali, incoraggiando alternative come l’uso di cellule e tessuti umani e tecniche avanzate di modellizzazione computerizzata, che sono in genere più accurate e richiedono meno tempo e denaro per il completamento.

A settembre, la US Environmental Protection Agency ha annunciato i suoi piani per porre fine ai test di tossicità sugli animali, dopo anni di lavoro con scienziati PETA.

Potrebbero interessarti anche: 

T.F.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI