Home News Perde i suoi cuccioli e adotta una scimmia

Perde i suoi cuccioli e adotta una scimmia

CONDIVIDI
contenuto 100% originale
la cagna con la scimmia sulla schiena

Ha perso i suoi cuccioli ed era diventata irrequieta e triste. I residenti del quartiere Olaya Herrera a Cartagena in Colombia per tranquillizzare un tenera cagna che viveva per strada hanno deciso di darle un cucciolo di scimmia cappuccina. L’esemplare selvatico era stato prelevato dal suo habitat naturale a poche settimane di vita. Molto probabilmente, il povero animale era una vittima del traffico illegale di specie selvatiche. Infatti, secondo i media locali, le scimmie cappuccine possono raggiungere la cifra 1600 dollari nel mercato nero.

A distanza di mesi, la piccola scimmia e il cane sono diventati inseparabili. Tuttavia, i residenti del quartiere si sono preoccupati in quanto la scimmietta era diventata aggressiva. Per questo è stato richiesto un intervento degli agenti della protezione ambientale.

“Eravamo sorpresi nel vedere la relazione tra questi due animali. Non è comune il rapporto tra una specie selvatica e una domestica”, hanno commentato gli agenti. Con molte probabilità, la cagna ha cresciuto la scimmietta che da allora resta sempre aggrappata al cane.

La polizia ha preso in custodia gli animali, ipotizzando un reinserimento della scimmietta nel suo habitat naturale. Alcuni esperti sarebbero invece contrari a separare i due animali, Esprimendo preoccupazione, è stato evidenziato che la scimmia non potrebbe sopravvivere in natura da sola e potrebbe essere respinta dai suoi simili.

L’amicizia tra un cane e una scimmia

Dalle immagini del video condiviso su youtube si può notare il rapporto che si è venuto a creare tra la cagna e la piccola scimmia capuccina. Un legame di affetto per cui si vede come il piccolo primate non vuole restare separato per troppo tempo dal cane. A sua volta, la cagna gioca con la scimmia come se fosse un cucciolo. La scimmietta resta invece sempre attaccata alla schiena del cane, come se fosse la madre.

C.D.