Home News Pesca alle balene, la Norvegia incrementa il numero di esemplari cacciabili

Pesca alle balene, la Norvegia incrementa il numero di esemplari cacciabili

CONDIVIDI
pesca alle balene
Pesca alle balene, la Norvegia incrementa il numero di esemplari cacciabili

La pesca alle balene in Norvegia presenta una grossa, ma poco gradita novità.

Pesca alle balene, la Norvegia introduce un innalzamento del limite degli esemplari cacciabili. E questo come incentivo per poter rilanciare l’attività. Si è passati alla cifra di 1278 cetacei che potranno essere arpionati ed issati sulle barche dei pescatori in tutto il 2018. In termini percentuali parliamo di un incremento del 28% rispetto allo scorso anno. In Norvegia la pesca alle balene rischia di sparire, e per impedire tutto ciò si è presa questa decisione che però ha ovviamente scatenato le proteste delle associazioni animaliste ed ambientaliste. Proprio la Norvegia, al pari dell’Islanda è l’unico paese in tutto il mondo in cui tale pratica è riconosciuta dalla legge. In Giappone invece la pesca alle balene è consentita soltanto per scopi scientifici. Eppure da quelle parti esiste il più grosso mercato di carne di balena di tutto il globo. Nel 1986 venne indetta una moratoria internazionale a difesa delle balene. Poi però la Norvegia ci ripensò e dal 1993 la pesca a questi esemplari è tornata ad essere permessa. Grazie anche al fatto che la popolazione di questi giganti del mare nel Paese dei fiordi è giudicata sufficientemente alta.

Pesca alle balene, in Norvegia è legale e si spera che possa riprendere quota

La pesca alle balene e ad altri esemplari marini è talmente importante da portare alla nascita del ministero alla Pesca. Ed il ministro di riferimento, Per Sandberg, si augura che la soluzione adottata nello specifico sulle balene possa portare ad una buona stagione. A proposito di balene, nello scorso mese di novembre era avvenuta una circostanza davvero tragica. Il tutto si era svolto in Indonesia. Qui circa una decina di questi grossi animali marini si era spiaggiata. E tante persone si sono attivate per far si che si salvassero. Le operazioni si erano svolte in coiadiuvazione con il WWF Indonesia. Erano undici in totale, sette delle quali tratte in salvo.

A.P.