Home News Pescatore naufrago sopravvive nel Mar Glaciale Artico grazie al suo cane

Pescatore naufrago sopravvive nel Mar Glaciale Artico grazie al suo cane

CONDIVIDI

cane salvatore

Un’avventura straordinaria che ha come protagonista un cane veramente eccezionale che ha salvato il suo padrone naufragato nelle gelide acque dei mari del nord, ad Arkhangelsk, nel nord-ovest della Russia.

Un uomo di cinquant’anni, appassionato di pesca, con al fianco il suo fedele compagno a 4zampe, lo scorso 7 novembre, si era recato con il suo canotto a motore al largo del Mar Bianco, mare laterale del Mar Glaciale Artico, dove in questo periodo le temperature non superano i 2°. Ad un certo punto si è guastato il motore della barchetta che è stata trascinata dalle correnti ancora più lontana dal litorale.

Fortunatamente, dopo vari tentativi, a causa di mancata copertura della rete telefonica, alle due di notte, l’uomo è riuscito ad inviare un messaggio alla moglie che si è immediatamente adoperata a contattare i soccorsi.

Il ghiaccio che si era formato sulla superficie del mare, nel frattempo aveva impedito alla nave per le emergenze di andare incontro al naufrago,per  cui è stato necessario l’intervento di un elicottero che solo dopo 48ore dalla chiamata di soccorso ha individuato l’imbarcazione alla deriva a 30km dalla costa e portato in salvo il cinquantenne e il cane, trasferito sull’elicottero grazie ad una borsa termica.

Secondo quanto riferito, l’uomo non sarebbe sopravvissuto senza il suo cane che ha mantenuto in vita il padrone, proteggendolo dal freddo ed evitandogli l’ipotermia. Il cane è restato al fianco dell’uomo e gli leccava le mani gelati, mantenendolo calde.

Su facebook sono state pubblicate le fotografie del salvataggio dove si può notare i soccorsi che si prendono cura oltre che dell’uomo anche dello straordinario cane che ha dimostrato tutta la sua intelligenza e fedeltà nei riguardi del padrone. Clicca qui per vedere le foto.