Home News Pesci rossi usati come centrotavola in un Bar animalisti infuriati

Pesci rossi usati come centrotavola in un Bar animalisti infuriati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:32
CONDIVIDI

Nel Bar di Varese la proprietaria per rendere più aggraziati i centrotavola della sua attività commerciale ha deciso di esporre dei piccoli barattoli contenenti pesci rossi vivi.

Pesci sui tavoli di un bar
Pesci sui tavoli di un bar (foto Facebook)

La trovata della donna non è stata assolutamente gradita da molti animalisti che hanno sollevato numerose polemiche dopo che una ragazza di nazionalità inglese ha scattato una foto per poi postarla sui social.

Potrebbe interessarti anche:Come capire se il pesce rosso è felice e in salute 

Pesci sui tavolini del bar

Pesci sui tavoli di un bar
Pesci sui tavoli di un bar (foto Facebook)

La foto è stata successivamente diffusa sul web da svariate associazioni che si sono scagliate contro la crudeltà di utilizzare i pesci rossi come oggetti d’arredamento.

L’associazione ha infatti richiesto l’intervento delle autorità contattando i carabinieri e la polizia locale, per sensibilizzare ogni persona ricordando a tutti che bisogna sempre comportarsi adeguatamente nei confronti degli animali, ricordando di non prendere mai alla leggera la vita delle altre creature cercando sempre di rispettarle.

A quanto riportato da alcuni giornali locali l’autrice della foto è stata maltrattata verbalmente da quella che probabilmente era la titolare,  all’arrivo delle forze dell’ordine i poveri pesci rossi utilizzati da centrotavola erano svaniti.

Nonostante questo sembra però che la titolare abbia comunque ammesso il suo errore con le forze dell’ordine e che abbia subito cercato di rimediare togliendo i pesci dai tavoli e asserendo:

“Avevo comprato i pesci per mio figlio di nove anni, ma non potendo tornare subito a casa perché dovevo aprire il bar, l’ho fatto contento mettendo gli animali nei barattoli”.

Secondo la donna quindi i suoi centrotavola sarebbero stati solo una sistemazione momentanea non potendo rientrare a casa.

La signora a quanto riportato ha poi aggiunto di aver agito con troppa leggerezza ma ha affermato di non aver mai maltrattato gli animali e che nessuno si è mai lamentato nella sua attività commerciale.

La signora ha infatti dichiarato di aver agito senza pensare cedendo alle richieste insistenti del figlio che voleva i pesci rossi, e che una volta acquistati accorgendosi dell’ora tarda si è resa conto che non aveva il tempo di rientrare a casa e li aveva appoggiati così sui tavoli.

Sui social dopo il post si è scatenata una polemica catastrofica di persone che hanno accusato la donna come una persona priva di sensibilità senza alcun rispetto per la vita degli animali.

La titolare del bar di Varese a respinto tutte le accuse ed ha affermato : “I gestori di bar e ristoranti hanno già molti problemi in questo periodo” “trovo la polemica eccessiva e anche per Carabinieri è stato imbarazzante restare qui per ore, come se non avessero cose più importanti da fare”.

L.L.