Home News Piano Lupi, il Ministro dell’Ambiente non recede: fioccano le proteste

Piano Lupi, il Ministro dell’Ambiente non recede: fioccano le proteste

CONDIVIDI

lupo

Già nei mesi scorsi vi abbiamo parlato della difficile situazione che rischia di abbattersi sui lupi in Italia. Adesso Gian Luca Galletti, Ministro dell’Ambiente dell’attuale Governo, si è mostrato favorevole all’ipotesi di abbattimento degli esemplari in eccedenza in merito al Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia, che è in via di approvazione e conterrebbe l’adozione di misure estreme anche per ibridi e cani vaganti, pure quelli sfuggiti al controllo degli umani, in una misura del 5% ogni anno. Il tutto nonostante l’insorgere di diverse associazioni animaliste come la LAV (Lega AntiVivisezione) e del mondo scientifico.

Il Ministro è appoggiato anche dall’Unione Zoologica Italiana e dalle associazioni degli allevatori, e per dissuaderli dal loro sanguinario intento si è provato a sensibilizzare il Presidente della Regione Emilia-Romagna nonché Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, e Donatella Spano, Assessore all’Ambiente della Regione Sardegna e coordinatrice della Commissione ambiente, la quale cura il Piano conservazione dei lupi all’interno della Conferenza delle Regioni. In particolare sono state le sedi LAV di Bologna e Cagliari a provare a smuovere le coscienze, mettendo in risalto soprattutto il fatto che nella maggioranza dei casi gli allevatori, i principali “nemici” dei lupi, non mettano in atto adeguati sistemi di misura delle loro greggi messi tra l’altro gratuitamente a loro disposizione.

Alla fine il discorso si riduce ai soliti interessi ma le associazioni in favore degli animali sperano che la politica stavolta possa fare buon uso della propria coscienza e rifletta prima di rendere effettivi le cruenti misure anti-lupi, quando invece è bene ricordare che già da diversi mesi la controversa misura sta facendo parlare di se in negativo per i provvedimenti concepiti a sfavore della fauna interessata.