Home News Picchiano il cane durante un litigio arrestati e processati per maltrattamento

Picchiano il cane durante un litigio arrestati e processati per maltrattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:22
CONDIVIDI

Due delinquenti solo così possono essere descritte due persone che senza alcun motivo apparente prendono a calci un povero cane indifeso.

Picchiano il cane senza motivo (Screen video)
Picchiano il cane senza motivo (Screen video)

Il momento scioccante è stato ripreso da CCTV e mostra due uomini che litigano tra loro a quanto riportato per motivi legati al denaro, quando senza alcun motivo, o forse disturbati dal fatto che durante la lite un dolce cane di razza boxer si era avvicinato incuriosito dal gesticolare e dalle urla dei due uomini, prendono a calci il piccolo e lo trascinano per una zampa.

Picchiano il cane senza motivo

Picchiano il cane senza motivo (Screen video)
Picchiano il cane senza motivo (Screen video)

L’uomo di 55 anni e il ragazzo di 29 apparentemente non imparentati, sono stati immortalati mentre durante una lite furiosa prendono a calci il cane, che successivamente viene trascinato dall’uomo, identificato come il proprietario, per una zampa.

Sul posto Braintree, Essex sono intervenuti gli ispettori della polizia e della RSPCA contattati da chi aveva appena visto quella scena raccapricciante, il cane di nome Panda è stato affidato alle cure della RSPCA.

Uno dei loro veterinari ha voluto osservare il video, dal quale non si evince solo il maltrattamento del momento, ma anche maltrattamenti pregressi in quando da quanto emerge dal video visionato, il cane si avvicina manifestando segni di paura quali orecchie all’indietro e la coda tra le gambe.

Entrambi i maltrattatori quindi, sia il 55enne che il 29enne proprietario di Panda, sono stati portati al cospetto del tribunale dei magistrati di Chelmsford. Entrambi si sono dichiarati colpevoli, e per loro è stata emessa la condanna per aver causato sofferenze inutili a un cane. Per ambedue è stata disposta l’impossibilità di detenere animali domestici per almeno 3 anni.

L’ispettore che ha indagato sull’incidente ha dichiarato: “Il filmato era estremamente preoccupante, il cane è apparso nel video spaventato e il rapporto del veterinario ha affermato che questo era un modo inaccettabile per disciplinare o addestrare un cane e avrebbe causato sofferenze inutili”.

Entrambi oltre a non poter avere un’animale domestico per 3 anni sono stati condannati a diverse punizioni.

Per il 55enne è stata disposta infatti una pena da scontare di 18 mesi di ordine comunitario che comprende anche 25 giorni di riabilitazione con annesso coprifuoco dalle 19 alle 7 monitorato con il bracciale elettronico. Oltre a dover 600 sterline di spese processuali più 95 per le vittime.

Per il 29enne invece, è stato disposto  lo stesso pagamento delle spese processuali  ed è stata disposta una condanna di 18 mesi con 30 giorni riabilitazione e 150 ore di lavori non retribuiti.

Entrambi durante il processo hanno affermato di aver sfogato la loro frustrazione sul cane per la lite, ammettendo di aver causato una manipolazione e una forza inadeguate sul povero cane.

Il cane che è stato affidato alle cure dei veterinaria non è il primo ad essere stato maltrattato e affidato alle cure dell’RSPCA, negli ultimi periodi infatti molte altre persone erano state processate per aver picchiato il proprio cane anche con oggetti contundenti che sono state  ritenute non idonee a tenere per anni un cane.

L.L.