Home News Picchiato e torturato a morte un cucciolo di toro in Spagna –...

Picchiato e torturato a morte un cucciolo di toro in Spagna – VIDEO

CONDIVIDI

Ancora orrore in Spagna, dove è stato picchiato e torturato a morte un cucciolo di toro: il video della mattanza indigna i social.

cucciolo toro
(screenshot video)

Centinaia di persone hanno denunciato quanto accaduto nella città di Valmojado (Toledo) e di come diversi residenti hanno assassinato brutalmente un cucciolo di toro. Il tutto è avvenuto all’interno della cosiddetta ‘becerrada‘: per coloro che non lo conoscono consiste in un allevamento di tori da corrida tra 1 e 2 anni che non è ancora stato svezzato da sua madre. I residenti infilzano l’animale con le banderillas.

Leggi anche –> Corrida Madrid: il torero Román Collado incornato, è gravissimo – VIDEO

Il dramma del cucciolo di toro ucciso in Spagna

Come potete vedere nel video, il piccolo è ancora così piccolo da non coordinare bene il movimento delle sue zampe, né ha grandi corna per difendersi. Quando l’animale non ce la fa più, i suoi torturatori gli danno il colpo di grazia. Il toro ha meno di due anni e subisce una morte lenta e molto dolorosa. L’indignazione non ha tardato ad arrivare e un centinaio di utenti hanno manifestato il loro rifiuto nei confronti di questa barbarie che ha luogo ancora oggi nella modernissima Spagna. “La chiamano cultura spagnola. Ed è per questo che né i pubblici ministeri né nessuno farà nulla per fermare questi selvaggi”, è uno dei commenti.

Un altro utente mette in evidenza: “Non volevo vedere il video della vile tortura e dell’omicidio di una creatura vivente capace di provare emozioni. Questo non può essere mostrato in nessun paese minimamente decente. Uccidere e torturare per divertimento è un segno di esseri con psicopatologia ed estremamente crudeli”. Quale esempio stiamo dando ai bambini con questo tipo di aberrazioni? Questa la domanda che dobbiamo porci. Negli ultimi anni, una maggiore consapevolezza rispetto al tema del maltrattamento e uccisione di questi animali, ha fatto sì non solo che emergesse un forte movimento anti-corrida, ma anche che questa competizione perdesse d’appeal. Nonostante questo, la mattanza continua.

ATTENZIONE –> IMMAGINI FORTI NON ADATTE A UN PUBBLICO SENSIBILE

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI