Home News Pilota un satellite a distanza ma lascia incustodito il gatto: scatena il...

Pilota un satellite a distanza ma lascia incustodito il gatto: scatena il panico

Un astronauta che pilota un satellite a distanza ha scatenato un vespaio perché ha lasciato incustodito il suo gatto: ecco cosa è successo.

pilota satellite gatto
Pilota un satellite a distanza ma lascia incustodito il gatto: scatena il panico (Foto Adobe Stock)

Daniel Lakey era nel mezzo di un incontro importante quando un partecipante non autorizzato decise di intervenire.

È apparso sulla porta, è saltato sul tavolo, mi miagolava in faccia, ha camminato la tastiera, mi ha messo il posteriore sulla faccia e alla fine si è raggomitolato dolcemente sulla scrivania accanto al computer portatile”, ha raccontato di recente Lakey al The Atlantic.

Era Sparkle, il soffice gatto bianco e nero di Lakey. Il micio rimase in piedi per il resto dell’incontro virtuale miagolando ogni volta che Lakey smetteva di accarezzarlo.

Come molte persone nell’era della pandemia, Lakey sta facendo il suo lavoro da casa, con un nuovo gruppo di colleghi che potrebbero essere meno cooperativi dei suoi soliti; il suo nuovo spazio di lavoro è ora ovunque non ci siano i suoi due bambini e suoi due gatti.

Lakey è un ingegnere di operazioni spaziali che lavora sul Solar Orbiter dell’Agenzia spaziale europea, il che significa che trascorre le sue giornate gestendo un veicolo spaziale che vola a milioni di miglia di distanza dalla Terra. Il lavoro è complesso e preciso e di solito non comporta input felini. Sparkle interruppe una teleconferenza solo quella volta, ma cos’altro avrebbe potuto fare?

Il gatto di un astronauta che pilota un satellite a distanza ha scatenato un putiferio

gatto pilotare satellite
Il gatto potrebbe pilotare per sbaglio un satellite? (Foto Pexels)

Questo pensiero è diventato un punto di discussione pubblica quando Amber Straughn, un astrofisico della NASA, ha twittato : “Discuto di questo in un incontro virtuale oggi: come impedire ai gatti di comandare accidentalmente un veicolo spaziale mentre questo lavoro sta avvenendo nelle case delle persone su un laptop invece che all’interno di un edificio della NASA privo di gatti.

Il tweet ha raccolto molta attenzione e la NASA è stata sommersa di domande dei giornalisti che chiedevano se i gatti potrebbero, infatti, inavvertitamente prendere il controllo di una nave spaziale.

Il The Atlantic ha contattato alcune persone che lavoravano su un assortimento di missioni spaziali, che vanno dalle missioni su Marte ai telescopi spaziali, e hanno detto tutti praticamente la stessa cosa: comandare un veicolo spaziale è un processo labirintico dall’inizio alla fine, con molti tipi di controlli lungo la strada.

E in questi giorni, anche con la maggior parte dei membri del personale della NASA e dell’ESA che lavorano a distanza, alcune persone sono ancora autorizzate ad andare in ufficio, dove eseguono le consuete misure di allontanamento sociale. Solo lì, in stanze di controllo della missione altamente sicure, qualcuno può effettivamente premere il tasto “Invia” su una raffinata serie di comandi a un’astronave lontana.

Anche se un gatto riuscisse ad entrare in una di queste stanze, è improbabile che possa causare molti danni. “Alcuni di questi comandi richiedono un mouse e di fare clic su alcune opzioni, quindi non è solo una questione di comandi scritti e inviati con errori di battitura come potrebbe invece fare un gatto“, ha detto Andrew Good, portavoce del Jet Propulsion Laboratory della NASA. “Una persona deve fare scelte consapevoli per far salire i comandi dei veicoli spaziali.”

La squadra di Straughn stava solo scherzando, disse in seguito. Per quanto assurdo possa sembrare lo scenario, sarebbe quasi impossibile infatti per un gatto diventare per un breve periodo un ingegnere di operazioni spaziali, sia alla NASA che all’ESA.

Potrebbe interessarti anche:

T. F.