Home News Porto Empedocle, cane randagio preso a bastonate perché abbaiava troppo

Porto Empedocle, cane randagio preso a bastonate perché abbaiava troppo

CONDIVIDI
FOTO – screenshot YouTube

E’ quanto di più inaudito si possa immaginare quello che è successo a Porto Empedocle. La località siciliana in provincia di Agrigento, celebre per aver dato i natali a Luigi Pirandello, ha visto una aggressione in piena regola perpetrata ai danni di un Pastore Maremmano. Il quattrozampe, che a quanto risulta sarebbe un randagio, aveva preso ad abbaiare con eccessiva foga nei confronti di un altro cane di piccola taglia, condotto da una donna. L’atteggiamento del randagio ha giustamente spaventato questa persona, che si trovava normalmente a spasso col proprio barboncino come già fatto altre volte.

A questo punto un uomo ha impugnato un bastone e ha iniziato ad aggredire il Pastore Maremmano. Dopo una serie di colpi scagliati consecutivamente con grande violenza, dei giovani di passaggio che hanno assistito alla scena hanno intimato all’uomo di smetterla. Questi si è allontanato, al pari del quattrozampe ferito, che non è stato più rintracciato. A raccontare l’episodio capitato la scorsa settimana è il quotidiano ‘La Sicilia’.

Cane aggredito, è successo in Italia a anche in Inghilterra

Un altro fatto simile è avvenuto soltanto qualche giorno fa a Liverpool, in Inghilterra. Qui un altro uomo è stato filmato da un passante mentre prendeva brutalmente a calci il proprio cane. Il tutto si è svolto dopo che l’aggressore era sceso da un bus, trascnando a forza l’animale. Questa aggressione ha causato anche una perdita di sangue da parte del povero quattrozampe, che aveva anche tentato di scappare, ma invano, intrappolato dalla morsa del guinzaglio.

E’ poi diventato virale e tutto il mondo ha visto quanto capitato in relazione alla donna. Costei è diventata tristemente famosa per aver aggredito ed addirittura morso il proprio cagnolino all’interno della metropolitana di Toronto, in Canada. Questo fatto aveva suscitato profonda indignazione nei presenti ed anche in migliaia di utenti. Tantissimi internauti infatti hanno potuto assistere sul web a questa penosa performance. Alla fine il povero cane è stato sequestrato e tutti gli amanti degli animali hanno ammirato l’operato della Società dell’Ontario per la prevenzione della crudeltà agli animali, l’associazione che ha sottratto lo sfortunato quattrozampe dalla furia di una persona evidentemente non adatta a prendersi cura di un essere indifeso.

A.P.